Pericolo alluvione: Allaro e Amusa lo sanno

Pericolo alluvione: Allaro e Amusa lo sanno

Allaro e Amusa lo sanno.

Anche se il tempo metereologico non è stato favorevole in questi giorni, ho continuato a svolazzare un pò di qua e un pò di là nel territorio di Caulonia. E proprio il cattivo tempo mi ha spinto a focalizzare l’ attenzione su un grave problema assolutamente da non sottovalutare.

Allaro e Amusa lo sanno e anche a molti di voi non sarà certo sfuggito quanto sto per riferire.

Basta percorrere la statale all’ entrata e all’ uscita di Caulonia Marina, all’ altezza delle due fiumare appunto Allaro e Amusa, per rendersi conto di quanto la vegetazione in questi punti sia diventata estremamente rigogliosa tanto da superare in altezza i ponti che sovrastano i due corsi d’ acqua. Lungo gli argini delle fiumare, poi, è possibile trovare di tutto.

Se non ci avete mai fatto caso osservate le foto che ho scattato per voi.

Adesso su richiesta di Allaro e Amusa, vi invito a fare memoria di quanto vi raccontavano i vostri nonni in merito alle potenti alluvioni del passato che hanno messo in ginocchio questo Comune. In modo particolare quella che si è verificata nel 1951 quando le foci delle due fiumare si unirono trasformando la Marina in una laguna. Così come quella che si ebbe nel 1972 ma non occorre tornare così tanto indietro nel tempo. Basterebbe tenere in considerazione quanto accaduto nel 1990 e nel 2000 quando il territorio di Caulonia fu colpito da altre due alluvioni, di entità meno disastrosa rispetto a quelle precedenti, ma pur sempre causa di enormi disagi.

Ritornando alla mia affermazione iniziale, il punto vuole essere questo: se le fiumare, come loro stesse sostengono, diventano delle discariche a cielo aperto o foreste amazzoniche in caso di persistenti precipitazioni è logico che, loro malgrado, non troverebbero spazio dove riversare le abbondanti quantità d’ acqua e finirebbero inevitabilmente per straripare.

Allaro e Amusa disperati mi hanno chiesto: <<Possibile che nessuno si interessi a noi? Anche perchè occuparsi di noi significa occuparsi dei cittadini e del paese>>.

Come dargli torto?

Cosa accadrebbe, oggi, se a Caulonia dovesse esserci un’ alluvione? La risposta è semplice: quello che è già accaduto in passato. Allaro e Amusa lo sanno. Si formerebbero due dighe e tutti i detriti ai margini delle fiumare si andrebbero a depositare lungo i ponti ostruendone il passaggio e allagando Caulonia Marina.

Quindi,  che si provveda subito a ripulire il greto di questi due innocenti corsi d’ acqua e tutta la zona circostante o basterà una bomba d’ acqua ed il danno sarà fatto.

Allaro e Amusa lo sanno!