Pietro Fuda critica la manifestazione “Giù le mani dall’ ospedale”

Pietro Fuda critica la manifestazione “Giù le mani dall’ ospedale”

Riceviamo dall’ amministrazione comunale di Siderno e pubblichiamo:

Pietro Fuda critica la manifestazione “Giù le mani dall’ ospedale”

Il sindaco di Siderno Pietro Fuda insieme a tutta l’amministrazione comunale, si dichiara soddisfatto per l’ampia partecipazione dei sindaci e della folla oceanica di studenti e cittadini alla manifestazione “giù le mani dall’ospedale” che si è tenuta oggi a Locri. La loro partecipazione in massa all’evento è stato un valore aggiunto. La lotta per la difesa della salute e dei diritti dei cittadini per avere un’offerta curativa di elevato standard è un obiettivo imprescindibile. Purtroppo, un episodio increscioso, figlio di un individualismo esasperato da sempre tallone d’Achille di questa terra ha rovinato l’indirizzo dell’evento. “Per questo motivo ho rinunciato al mio intervento. Se avessi avuto la possibilità di parlare sul palco, avrei voluto chiedere lumi sullo stato dell’arte della rete ospedaliera per la quale non si va oltre gli annunci. Far comprendere alla popolazione della nostra provincia che un piano sanitario costruito prima della costituzione della città Metropolitana oggi ha fatto il suo tempo. Ritengo, infatti, che sia necessario costruire una rete efficiente su tutto il territorio provinciale senza disparità di servizi. La riuscita della manifestazione stava ad indicare la fine dei commissariamenti che stanno riducendo la sanità calabrese come i rifiuti. Da diciassette anni, la nostra Regione per risolvere il problema dei rifiuti è costretta ad appoggiarsi ad altre Regioni. Avrei voluto evidenziare che più che all’economia dei costi realizzata con tagli indiscriminati che non tengono conto delle esigenze reali, la materia della sanità riguarda la qualità del servizio da mettere a disposizione dei cittadini ed in questo senso non mi pare che in questi anni di amministrazione commissariale si sia andati verso una strada giusta. E’ fondamentale una analisi della situazione per ogni bacino ospedaliero soprattutto riguardo l’emigrazione sanitaria facendo uno studio su quanti rimangono a curarsi in Calabria e quanti vanno fuori. Fatto questo va compiuta una seria verifica dell’utilità dei Primari ospedalieri che non hanno ammalati e che costano tanto alla popolazione calabrese e degli ammalati che non hanno primari. Sarò presente alla manifestazione di Polistena il 24 ottobre ed invito i cittadini ad essere presenti”.

comune siderno