Domenica 22 e lunedì 23 si vota per il Consiglio d’Istituto

Domenica 22 e lunedì 23 si vota per il Consiglio d’Istituto

Domenica 22 (dalle ore 8.00 alle ore 12.00) e lunedì 23 Novembre (dalle ore 8.00 alle ore 13.30), presso il seggio istituito alla Scuola Media di Via Rubina, si potrà votare per il rinnovo del Consiglio d’Istituto dell’IC Comprensivo Gioiosa-Grotteria (che comprende le scuole materna, elementare, media di Gioiosa Jonica, Grotteria, Martone, San Giovanni di Gerace).

Hanno diritto di voto entrambi i genitori degli alunni iscritti all’asilo, scuola elementare e media. Si possono esprimere due preferenze nell’ambito della stessa lista, tracciando un segno di croce a fianco dei nomi dei candidati prestampati nella scheda.

La presenza dei genitori negli organismi scolastici ha rappresentato, nel momento della sua istituzione (anno 1974), una grande conquista democratica.

Le liste dei candidati per il rinnovo del Consiglio d'Istituto 2015/2018

Le liste dei candidati per il rinnovo del Consiglio d’Istituto 2015/2018

Che cos’è il Consiglio d’Istituto? E’ un organismo con durata triennale composto da 19 membri, così suddivisi:
– n. 8 rappresentanti del personale docente;
– n. 8 rappresentanti dei genitori degli alunni;
– n. 2 rappresentanti del personale amministrativo, tecnico ed ausiliario;
– il dirigente scolastico (di diritto).
E’ presieduto, per legge, da un rappresentante dei genitori (negli ultimi anni, il Presidente è stato Rocco Ritorto). Al suo interno elegge una giunta esecutiva, composta da un docente, un impiegato amministrativo o tecnico o ausiliario, due genitori e (di diritto) dal dirigente scolastico (che la presiede) e dal capo dei servizi di segreteria.

La presenza dei genitori negli organismi scolastici ha rappresentato, nel momento della sua istituzione (anno 1974), una grande conquista democratica.

Il Consiglio d’Istituto è un organismo della democrazia scolastica che ha importanti competenze in merito a organizzazione e risorse economiche degli istituti scolastici (si veda sotto il dettaglio normativo). Rappresenta, inoltre, un interlocutore privilegiato per le istituzioni pubbliche (a partire dal Comune) e uno strumento di proiezione esterna del mondo scolastico.

Si tratta, nella sostanza, della partecipazione attiva e consapevole alla vita della scuola da parte di tutte le componenti (docenti, genitori, personale ATA): per questo, votare alle elezioni del Consiglio d’Istituto è un fatto di assoluta importanza sociale e civica.

Invitiamo tutti i genitori a recarsi presso il seggio della Scuola Media domenica 22 (dalle ore 8.00 alle ore 12.00) e lunedì 23 Novembre (dalle ore 8.00 alle ore 13.30) e a votare liberamente per i candidati ritenuti maggiormente idonei a rendere efficace il Consiglio d’Istituto di Gioiosa.

La Scuola Media di Gioiosa Jonica

La Scuola Media di Gioiosa Jonica

Art. 10 del Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n° 297
(Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione)

COMPETENZE CONSIGLIO ISTITUTO
1. Il consiglio di istituto elabora e adotta gli indirizzi generali e determina le forme di autofinanziamento.
2. Esso delibera il bilancio preventivo e il conto consuntivo e dispone in ordine all’impiego dei mezzi finanziari per quanto concerne il funzionamento amministrativo e didattico del circolo o dell’istituto.
3. Il consiglio di istituto, fatte salve le competenze del collegio dei docenti e dei consigli di classe, ha potere deliberante, su proposta della giunta, per quanto concerne l’organizzazione e la programmazione della vita e dell’attività della scuola, nei limiti delle disponibilità di bilancio, nelle seguenti materie:
a) adozione del regolamento interno del circolo o dell’istituto che deve fra l’altro, stabilire le modalità per il funzionamento della biblioteca e per l’uso delle attrezzature culturali, didattiche e sportive, per la vigilanza degli alunni durante l’ingresso e la permanenza nella scuola nonché durante l’uscita dalla medesima, per la partecipazione del pubblico alle sedute del consiglio;
b) acquisto, rinnovo e conservazione delle attrezzature tecnico-scientifiche e dei sussidi didattici, compresi quelli audio-televisivi e le dotazioni librarie, e acquisto dei materiali di consumo occorrenti per le esercitazioni;
c) adattamento del calendario scolastico alle specifiche esigenze ambientali;
d) criteri generali per la programmazione educativa;
e) criteri per la programmazione e l’attuazione delle attività parascolastiche, interscolastiche, extrascolastiche, con particolare riguardo ai corsi di recupero e di sostegno, alle libere attività complementari, alle visite guidate e ai viaggi di istruzione;
f) promozione di contatti con altre scuole o istituti al fine di realizzare scambi di informazioni e di esperienze e di intraprendere eventuali iniziative di collaborazione;
g) partecipazione del circolo o dell’istituto ad attività culturali, sportive e ricreative di particolare interesse educativo;
h) forme e modalità per lo svolgimento di iniziative assistenziali che possono essere assunte dall’istituto.
4. Il consiglio di istituto indica, altresì, i criteri generali relativi alla formazione delle classi, all’assegnazione ad esse dei singoli docenti, all’adattamento dell’orario delle lezioni e delle altre attività scolastiche alle condizioni ambientali e al coordinamento organizzativo dei consigli di classe; esprime parere sull’andamento generale, didattico ed amministrativo dell’istituto e stabilisce i criteri per l’espletamento dei servizi amministrativi.
5. Esercita le funzioni in materia di sperimentazione ed aggiornamento.
6. Esercita le competenze in materia di uso delle attrezzature e degli edifici scolastici.
7. Delibera, sentito per gli aspetti didattici il collegio dei docenti, le iniziative dirette alla educazione della salute e alla prevenzione delle tossicodipendenze.
8. Si pronuncia su ogni altro argomento attribuito dal testo unico, dalle leggi e dai regolamenti, alla sua competenza.
9. Sulle materie devolute alla sua competenza, esso invia annualmente una relazione al provveditore agli studi e al consiglio scolastico provinciale.
10. La giunta esecutiva predispone il bilancio preventivo e il conto consuntivo; prepara i lavori del consiglio di istituto, fermo restando il diritto di iniziativa del consiglio stesso, e cura l’esecuzione delle relative delibere.
11. La giunta esecutiva ha altresì competenza per i provvedimenti disciplinari a carico degli alunni. Le deliberazioni sono adottate su proposta del rispettivo consiglio di classe.