DEGRADO DEL CENTRO SPORTIVO DI CAULONIA, LA RIFLESSIONE CRITICA DI CARABETTA

DEGRADO DEL CENTRO SPORTIVO DI CAULONIA, LA RIFLESSIONE CRITICA DI CARABETTA

Di Francesco Carabetta

“Once upon a time” ovvero C’era una volta, come iniziano le favole ma questa non è una favola ma la triste realtà.
C’era una volta a Caulonia un centro sportivo (c’è ancora) costruito a suo tempo (fine anni‘70/’80) per accogliere la squadra Calcio del Caulonia. Con il passare degli anni, dopo aver visto migliaia calci di corse dietro un pallone e allenamenti e tanto altro, anche se c’è stato quel minimo di manutenzione, (chi non ricorda il custode, Mimmo, che quasi tutti i giorni con la sua bicicletta e il suo andare claudicante, si recava al campo per aprire, chiudere, a tracciare il campo insomma fare tutto ciò che il suo stato di salute gli permetteva, era ormai diciamo “obsoleto” ma non per questo non funzionate.

centro sportivo caulonia 7

Ora a fronte di tutto questo arriviamo ai giorni nostri e si rende necessario un “ammodernamento” ( ammodernamento = denaro molto denaro) della struttura sportiva ed e ecco che scatta il processo, l’iter per “l’ammodernamento” fatto “tutto ciò che era necessario “ partono le opere dopo “mesi” il campo completo di manto e solo di manto erboso è “pronto” qui finisce la “favola” in cui ci si aspettava un lieto fine. Ora continuiamo con la realtà: ricordo che dalla parte dell’entrata dei giocatori e dello staff esistevano i parcheggi per gli ospiti per i dirigenti e per dare modo, quando la struttura non era impegnata in gare ufficiali di usufruire del parcheggio, giusto il tempo necessario per poter prendere i figli che finivano gli allenamenti o altri sport. Comodo specie nelle giornate di pioggia perché ti permettevano di avvicinarti ed evitare di inzupparti ma questo lo possiamo anche tralasciare bastava munirsi di un ombrello. Ora i parcheggi hanno dato posto ai materiali di risulta con il risultato che estensione dei parcheggi è pressoché nulla. Dall’altro lato del campo ricordo c’erano le gradinate ci sono tutt’ora ma sono quasi impraticabili l, erbacce materiali depositati ecc…. li rendono tali !!

centro sportivo caulonia 6

centro sportivo caulonia 5

Queste sono foto, che condivido e ringrazio , scattate dall’ AS Caulonia che rendono perfettamente l’idea della” favola”di cui sopra e mi hanno dato l’input per questo che già pensavo da tempo.
Ora mi piacerebbe sapere: lo smaltimento dei materiali di risulta a chi compete? -Forse qualcuno potrebbe dirmi: “Ma a ttia chi t’interessa?” -Beh essendo cittadino di Caulonia un pochino mi interessa! Quel materiale nuovo che si vede dalle foto perché non è stato utilizzato, perché i lavori non sono stati completat?i (“Ma a ttia chi t’interessa”? -Beh un pochino mi interessa!). “Ma pecchì t’interessa”? –Perché siccome pago le tasse al comune e in particolare una chiamata TASI vorrei capire perché dopo aver pagato non ho i servizi di cui ho diritto. Questa è una domanda che non mi faccio solo io ma tutti i cittadini. E ancora: chi è l’organo preposto al controllo dei lavori, perché non si fa chiarezza ? E ancora una pietruzza da scagliare: -Ma la fine dei lavori dell’AUDITORIUM quando sarà?

centro sportivo caulonia 4

centro sportivo caulonia 3

Dopo tutto ciò, voglio dire a chi è stato eletto dai cittadini a ricoprire le varie cariche: non siate presenti solo quando vedete una luce di qualche videocamera accesa, Caulonia ha bisogno di certezze e persone vere non di attori!
Scusatemi la forma, o errori, ma non sono né scrittore ne professore!

Francesco Carabetta

centro sportivo caulonia 2

centro sportivo caulonia