Un arresto ad Africo, denunce ad Ardore e Bovalino

Un arresto ad Africo, denunce ad Ardore e Bovalino

Continuano i servizi di controllo straordinario del territorio disposti da Gruppo Carabinieri di Locri, finalizzati alla repressione dei reati attinenti le armi e gli stupefacenti, effettuati con il supporto dei colleghi dello Squadrone Eliportato Carabinieri “Cacciatori” di Vibo Valentia.
Dopo aver setacciato l’area ricadente nella vallata del Torbido e dell’Allaro, questa volta a finire sotto la lente d’ingrandimento dei Carabinieri del Gruppo di Locri è stata la zona sud, la c.d. “Costa dei Gelsomini”.
Ed è proprio qui che si sono registrati i maggiori risultati. Infatti i Carabinieri della Stazione di Brancaleone hanno tratto in arresto un giovane di Africo, Andrea Bianco di 26 anni, colto nella flagranza di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Lo stesso, fermato mentre transitava sulla SS 106 a bordo dell’autovettura del padre, all’atto del controllo dei militari ha subito manifestato un certo nervosismo tanto da far insospettire gli operanti che hanno deciso di effettuare un’accurata perquisizione veicolare. All’esito della stessa, i Carabinieri hanno rinvenuto, occultata nel pannello di un portiera, un involucro di cellophane contenente oltre 100 grammi di marijuana che è stata sottoposta a sequestro. L’arrestato su disposizione dell’A.G. è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Locri.
Nell’ambito di tale servizio,
i Carabinieri della Stazione di Ardore Marina hanno denunciato 3 giovani (due del posto e uno di Bovalino) ritenuti responsabili di truffa. I Carabinieri allertati da una denuncia effettuata da un imprenditore di origini napoletane, hanno accertato che gli indagati avrebbero pagato al denunciante oltre 4.000,00 €uro per la vendita di materiale vario acquistato su un noto sito web, con un assegno risultato compendio di furto, che è stato poi sottoposto a sequestro.

bianco andrea