8×1000: anche quest’anno la Chiesa incassa un miliardo di euro

8×1000: anche quest’anno la Chiesa incassa un miliardo di euro

8 per mille: anche quest’anno la Chiesa incassa un miliardo di euro grazie a un meccanismo perverso da rivedere

«Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha diffuso i dati relativi alla ripartizione dell’8 per mille di quest’anno: la Chiesa ancora una volta fa la parte del leone e con solo il 37% delle firme incassa 1 miliardo e 18 milioni di euro, pari all’80% del totale dei fondi. Sono anni che denunciamo questo meccanismo perverso ma nessuno sogna di metterci mano».

Il perverso meccanismo cui fa riferimento il segretario dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar), Stefano Incani, è quello per cui le quote non espresse – quelle che non vengono destinate, perché il contribuente non firma né per lo Stato né per una delle confessioni religiose che ha accesso ai fondi – sono comunque ripartite in proporzione alle firme ottenute e che consente appunto alla Chiesa di incamerare la maggior parte dei fondi.

«In pochi – prosegue Incani – sono a conoscenza di questo meccanismo anche perché lo Stato si guarda bene dal pubblicizzarlo, ma esso fa sì che quel 45% circa di contribuenti che sceglie a chi destinare l’8 per mille determini la ripartizione anche del restante 55%».
«Contro questo sistema per ben due volte è intervenuta la Corte dei Conti sottolineando la necessità di una revisione del meccanismo e puntando inoltre il dito contro lo Stato, unico competitore che non sensibilizza l’opinione pubblica sulle proprie attività con campagne pubblicitarie. E anche quest’anno i dati parlano chiaro: per lo Stato ha firmato solo il 7% dei contribuenti!».

«Se ci mettiamo poi che la Chiesa, nonostante gli slogan, destina la maggior parte delle risorse per “esigenze di culto e pastorale” e “sostentamento del clero” (quest’anno rispettivamente 399mila euro e 350mila euro), il quadro è completo. Quei fondi, che sono peraltro solo una parte delle ingenti risorse che lo Stato distrae dalle sue casse per farle confluire in quelle della Chiesa (secondo i nostri calcoli si tratta di 6 miliardi di euro l’anno), anziché finire nelle tasche della Chiesa cattolica dovrebbero essere utilizzati a beneficio di tutti e tutte».

Ufficio Stampa Uaar

unione degli atei e degli agnostici

Ciavula

GRATIS
VIEW