Centro Estivo Unitalsi a Roccella Jonica, un’azione di cuore

Centro Estivo Unitalsi a Roccella Jonica, un’azione di cuore

Ieri pomeriggio e ieri sera sono stato a Roccella Jonica, presso l’Oratorio Parrocchiale, dove l’UNITALSI ha organizzato la 8^ edizione del Centro Estivo dedicato ai disabili della Locride, dal 26 luglio al 1° agosto.
Un’azione di cuore, ma sopratutto di rispetto, protesa a far vivere da persone normali queste persone con disabilità Ho visto piangere per la gioia questi ragazzi, specialmente alcuni dei dodici del Centro Neurologico di Locri che il Presidente dell’Unitalsi Maurizio Villari ha portato a Roccella per farli vivere all’aria aperta una vera vacanza a misura “d’uomo”.
Io torno sempre alla questione del Centro Neurologico ma non solo, e dico: questi “maledetti” politici ancora non si sono decisi di valorizzare appieno quel Centro e di donare a quei disabili gravi le giuste opportunità per migliorare la loro vita. Il personale ed i dirigenti in servizio non fanno mancare niente a questi ragazzi. Ma mancano le figure professionali specifiche e le attività per dare maggiore dignità al lavoro del Centro.
Antonella, una di loro, che oramai conosco da tanto tempo, mi ha tenuto per mano costantemente. Era contenta e triste allo stesso momento perchè la sua “gemella” Cinzia, di cui è gelosissima, non era presente, perchè pronta per partire per Lourdes. Ma gli ho raccontato tante storie fantasiose e irreali che si è messa a ridere a non finire. Un nugolo di ragazzi e ragazze attorno a questi disabili, ad accomodarli sulle carrozzelle, a spostarli, a parlare e sorridere con loro, ad accarezzarli e baciarli, con spontaneo affetto e rispetto.
A sera, verso le 21,30 la fiaccolata per le vie di Roccella, per il lungomare, con alcune soste di preghiere e di adorazione della “Madonnina” e della “Croce di Polsi” nel “rione marinaro”, per proseguire fino alla meta, l’area oramai chiamata “Fitwalking”, dove don Giuseppe e don Giovanni hanno celebrato la Santa Messa.
Unico neo che personalmente ci è saltato subito all’occhio, la mancata presenza del Primo Cittadino, una persona che conosciamo sensibile, umana, rispettosa all’infinito, particolarmente attenta agli eventi che caratterizzano la sua bella ed evoluta cittadina. E per questo ci ha francamente stupito l’assenza. Nelle interviste finali Alessandra Cianflone, assessore e componente Unitalsi, ha però ribadito l’attenzione dell’Amministrazione verso il problema della disabilità, assicurando che in questi giorni vi sarà la vicinanza dell’istituzione.

Nota a cura di Vincenzo Logozzo
Presidente Consulta delle Associazioni

campo unitalsi 1