Festa di fine Ramadan a Gioiosa Jonica: la fotogallery

Festa di fine Ramadan a Gioiosa Jonica: la fotogallery

Si è svolta ieri sera, giovedì 7 luglio, la festa di fine Ramadan, ovvero il mese del calendario musulmano nel quale si pratica il digiuno, presso i locali dell’Associazione ReCoSol che ospita il progetto Sprar di Gioiosa Jonica. Per il secondo anno consecutivo, l’equipe del progetto Sprar ha voluto condividere questo momento di festa e convivialità con gli ospiti musulmani del progetto, i quali hanno dato vita ad un vero e proprio banchetto: ogni nazionalità ha realizzato un piatto tipico del proprio paese. I piatti, colorati e invitanti, hanno incuriosito la comunità gioiosana presente a partecipare all’evento. La serata è stata inoltre allietata da musica africana e dal suono dei jambe. Questo, grande segno che il progetto Sprar di Gioiosa Jonica sta crescendo e si sta muovendo sempre più verso l’integrazione. Difatti, il cortile dello Sprar ha ospitato una folla di persone provenienti da diverse parti del mondo: non solo gli africani e gli asiatici ospiti del progetto, ma anche diverse figure tra i quali due giovanissimi volontari internazionali, l’inglese Lisa e lo statunitense Tony, la referente spagnola di Project Abroads, col quale ReCoSol sta collaborando e molti altri accorsi a prendere parte a questo evento. Uno scenario che dimostra come il progetto abbia abbracciato in toto tutto ciò che concerne l’accoglienza: non si tratta solamente di aprire le porte a coloro i quali fuggono da guerre e persecuzioni, ma di fare rete con tutte le altre associazioni e progetti. Tra la comunità gioiosana presente ieri sera, difatti, anche una rappresentanza di alcune associazioni del paese. L’intento è quello di far comprendere che l’immigrazione non solo è un fatto che tocca tutti noi,  davanti al quale non possiamo restare indifferenti, ma è un invito ad avvicinarsi a questo mondo, che sia tramite la festa di fine Ramadan o tramite un convegno, in quanto la paura non conosce altro mezzo, che la conoscenza, per essere combattuta.