La Pro Loco di Gioiosa Jonica ospite in Lombardia

La Pro Loco di Gioiosa Jonica ospite in Lombardia

Dopo le recenti positive esperienze in Toscana e Sardegna la Pro Loco UNPLI di Gioiosa Jonica dal 22 al 26 settembre approda in Lombardia ed esattamente nella cittadina di Pieve Emanuele alle porte di Milano nella diciassettesima edizione di: “Colori, Sapori & Musikhe”
Prima di questa esperienza, la Pro Loco di Gioiosa Jonica aveva promosso i prodotti tipici calabresi e nello specifico quelli identitari della locride (sottoli, formaggi, insaccati, vini e dolci della tradizione), gusto e genuinità dei prodotti a marchio calabrese hanno sbaragliato nelle iniziative di Pisa e Sassari.
Stavolta per mostrarsi al grande pubblico e (in particolare) alle scuole dell’hinterland milanese e, per aprirsi a nuovi e prestigiosi scenari con l’artigianato calabrese è stato chiamato uno dei paesi più attivi della Calabria, leader indiscusso nella “Val del Torbido”.
La Pro Loco di Gioiosa Jonica, sarà protagonista grazie all’apporto dell’Associazione “Arte e tradizioni” (con la quale collabora attivamente insieme ad altre realtà associative gioiosane) dei laboratori per la tessitura e il cucito a mano e dell’antiche tessiture a telaio, lavorazione del tombolo, intagli, ricami e cucito artistico.telaio - interna
Il Presidente Nicodemo Vitetta, guiderà la delegazione composta da altri sei elementi tra le quali quattro donne che saranno la parte operativa di questa nuova esperienza fuori regione.
L’evento organizzato dall’Associazione “Magna Grecia” di Pieve Emanuele (Mi), con i Patrocini della Regione Puglia, Regione Calabria, del Comune ospitante Pieve Emanuele e, di altre associazioni calabresi a Milano, prevede l’incontro con gli studenti delle scuole primarie milanesi (circa 1.500 ragazzi) e i loro docenti nelle giornate di giovedì e venerdì per l’intera giornata.
Mentre sabato e domenica i rappresentanti della Pro Loco di Gioiosa Jonica, incontreranno gli emigrati calabresi per fargli rivivere le antiche arti dei loro antenati.
Inoltre, nelle ultime due giornate, l’iniziativa prenderà una “piega” regionalpopolare, con cantastorie, gruppi musicali pugliesi (pizzica) e calabresi (musica popolare) e varie arti della gastronomia, in particolare quella calabrese.
Tra gli ospiti eccellenti il cantautore Eugenio Bennato, Mimmo Cavallaro e il suo gruppo con momenti di apprendimento degli strumenti tradizionali calabresi.
Naturalmente non mancheranno i succulenti piatti della tradizione contadina calabrese, ancora oggi proposti e apprezzati, melanzane, frittole e carne di capra con la pasta fatta a mano.