Siderno: consiglio d’istituto “Bello-Pedullà” incontra l’assessore Macrì

Siderno: consiglio d’istituto “Bello-Pedullà” incontra l’assessore Macrì

siderno pedullà gesumino

Si è svolto nella giornata di ieri 20 settembre il Consiglio d’Istituto dell’Istituto Comprensivo M. Bello- G. Pedullà di Siderno, presieduto dal Dirigente scolastico Vito Pirruccio e tutto dedicato ai problemi relativi allo stato delle strutture scolastiche interessate dalla competenza dello stesso istituto comprensivo. Una tematica più volte affrontata nel corso dei mesi scorsi dal Consiglio e soprattutto fatta rilevare dalla componente genitori presente nell’ambito dell’Assemblea.
Una situazione approfondita proprio in seguito alla visita effettuata in data 19 settembre presso le strutture della scuola primaria Michele Bello e della Scuola secondaria di primo grado Gesumino Pedullà dai rappresentanti dei genitori in Consiglio, che nell’occasione hanno potuto confrontarsi con il Dirigente scolastico Prof. Vito Pirruccio e con l’assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Siderno Ercole Macrì.
La visita, gentilmente accordata dall’Assessore al campo e dal Dirigente scolastico, ha potuto mettere in evidenza lo stato dei due plessi scolastici, che si è presentato carente per alcuni aspetti, già ampiamente conosciuti della rappresentanza dei genitori, per il plesso Michele Bello; tra questi le infiltrazioni umide al piano superiore di un’ala dell’istituto, la necessità di riparare al più presto le porte anti incendio presenti, nonché intervenire per la sostituzione degli estintori da tempo non funzionanti, quindi di agire per la messa in sicurezza dei cornicioni esterni della struttura attualmente visibilmente danneggiati. Tutti interventi per i quali l’assessore al ramo Macrì ha dimostrato ampia disponibilità e messo in evidenza la necessaria celerità nel compiere le evidenziate azioni.
Contrariamente alle attese dei rappresentanti, presso il plesso Gesumino Pedullà si sono evidenziate delle situazioni più incoraggianti rispetto alle voci diramatesi nei giorni precedenti l’avvio dell’anno scolastico. Infatti, l’istituto appena consegnato dopo i lavori di adeguamento sismico si è presentato ben tinteggiato e con sale ampie, per lo più dotate di lavagne Lim ed impianti di luce abbastanza efficienti. Anche in questo caso sono però emerse alcune necessità, già evidenziate dalla scuola nell’ampia disamina tecnica effettuata nei giorni precedenti dal responsabile RSPP, Architetto Asprea, che ha posto in evidenza in particolare la necessità di intervenire sullo stato degli impianti antiincendio; in questo presidio scolastico è necessario rinnovare la dotazione dei previsti estintori, definire la segnaletica di sicurezza nonché sostituire alcune porte di comunicazione tra i corridoi dotate di vetrate frangibili non certo adatte per l’istituto. In positivo si è evidenziata a seguito del sopralluogo di lunedì 19 la celerità con cui si sono definite le situazioni relative ai servizi igienici dell’istituto, prontamente riparati e dotati di porte nuove rispetto a quanto rilevato nella citata relazione tecnica di appena qualche giorno precedente. Ancora carenze si sono rilevate circa la mancanza di un impianto funzionante di comunicazione con l’esterno dell’edificio per evitare ingressi indesiderati durante le attività scolastiche. La zona esterna all’istituto e quella adibita a palestra scolastica è invece risultata completamente non toccata dai lavori.
A conclusione della due giorni la rappresentanza dei Genitori del Consiglio di Istituto Presieduto dall’avv. Maria Torre non può che dichiararsi soddisfatta per l’attenzione ricevuta da parte delle locali istituzioni ma deve richiamare al contempo le stesse circa la necessità di definire gli interventi per la migliore prestazione delle strutture scolastiche esaminate, che sono di per sé luoghi da considerarsi prioritariamente sicuri per la vita dei propri figli e del personale insegnante e di quanti vi lavorano.

Componente Genitori e Presidente Consiglio di Istituto
Istituto Comprensivo Michele Bello – G Pedullà