Elezioni Caulonia, Piero Campisi smentisce: “Nessuna pressione, nessun incontro”

Elezioni Caulonia, Piero Campisi smentisce: “Nessuna pressione, nessun incontro”

Leggo e rileggo l’articolo, apparso su Ciavula: “Oliverio e Sebi Romeo complici dell’accordo scandalo di Caulonia”, e anche la successiva nota di Ninni Riccio che sconfessa il riferimento alla visita di Oliverio e Romeo presso la sua abitazione.
Nello stesso articolo si afferma, altrettanto falsamente, che “Nino De Gaetano avrebbe fatto pressione sui Campisi […] per favorirne la candidatura nel “listone unico” che grazie a questa serie di inciuci potrebbe risultare il favorito”.
Nemmeno questo è vero: nessuna pressione, nessun incontro, niente di niente.
Una autentica ‘cazzata’, che smentisco in toto. Ciavula poteva verificare la sua“autorevole fonte”.
Non lo ha fatto: voglia rettificare e, comunque qui smentita, smentire .
Ma la cosa brutta non è questa inesattezza, che appunto invito a correggere per correttezza. La cosa non bella è l’uso di internet per offendere persone e cose che non corrispondono ai progetti vostri o delle fasulle “autorevoli fonti” che non rilevate, ma sempre più si capisce chi siano…
La gente non è ‘fessa’.
A Caulonia le liste civiche si sono sempre fatte e sempre si faranno. Specie con questo sistema elettorale. Le liste civiche non sono vergognose o scandalose, ma più votate e meno votate. In libertà, correttezza e senza la pressione di alcuno: non prima, né durante, né dopo la loro presentazione!
Nel 2005 una coalizione civica, da me guidata come sindaco, ha visto alleati: esponenti di Alleanza Nazionale ex MSI-DN addirittura con Rifondazione Comunista, quest’ultima diretta da un ‘bravo giovane segretario’. Una bella creatura civica “ammazzata” in culla a 19 mesi, si chiamava “Alternativa per Caulonia”. Ma questa è un’altra storia… Forse.
Anche nelle tornate anteriori e successive al 2005 ci furono solo liste civiche.
Nessuno gridò allo scandalo, all’inciucio, ai manovratori, occulti e non, alle pressioni…
Oggi l’ennesima lista civica da ambo i lati, ma si grida con sdegno alla vergogna, allo scandalo, all’inciucio, alle pressioni. Arrivando a manipolare pseudo-fatti con notizie inesistenti. Solo un tribunale potrebbe, previa querela, assodare se le affermazioni dell’articolo siano critica o diffamazione. Ove incontrassi Oliverio, Romeo e De Gaetano chiederei loro se hanno querelato per gli aggettivi “vergognoso” e “scandaloso” associati ad iniziative inesistenti e a loro falsamente attribuite.
Le opinioni pro o contro sono sacre. Sempre. Gli insulti e le falsità: no!
La cosa brutta: è basare sulla mistificazione la critica e lo sdegno che in queste ore impazzano on line.
Le opinioni e le critiche, non sono mai ‘cazzate’, sono sacre. Le mistificazioni no, restano ‘cazzate’ a sostegno di altre ‘cazzate’, anche se vengono spacciate per notizie di fatti.
A Ciavula, e a Te caro Giovanni, chiedo severità sulle cose, ma senza acredine offensiva.
Avvelenare il clima sortirebbe solo danno ulteriore per Caulonia. Non vi seguiremo in questa prospettiva.
Non si sta facendo la cronaca di quello che succede ed è successo in merito alla formazione delle liste e men che meno alla gravissima crisi in cui versa il nostro Comune.
Comune equiparato dal sindaco uscente, ad una nave che sta andando a sbattere sugli scogli!
Ognuno e Tutti -al capezzale della moribonda Caulonia- prescrivevano una sola terapia miracolosa: una coalizione la più ampia possibile; addirittura: una “lista unitaria ed unica”; un super-listone con tutti, ma proprio, tutti dentro…Dove sono oggi questi saggi “emeriti-medici” ?
Se invece del “Listone”- come Voi lo definite- si fosse pervenuti a liste civiche di diversa foggia, magari congeniali e funzionali per cose e persone alla “rinnovazione nella conservazione” dello status quo, o ancora meglio se si fosse arrivati a tre liste e non a due, allora magari avreste definito positivamente la posizione di ognuno. E, dantescamente: il “rode”-mento che sembra avervi preso non ci sarebbe?
E dunque: nemmeno l’inciucio???
Il gruppo di “Insieme per Caulonia” poteva ben correre da solo e, vincente o perdente alle elezioni, esaltandosi nelle proprie ragioni di anni di opposizione, magari esprimendo il suo proprio candidato a sindaco, mantenere la posizione e il ruolo di forza morale, culturale e politica nel paese.
In costante contrapposizione alla sinistra locale.
Invece, mettendoci la faccia, si è preferito assumere e rilanciare una sfida molto più positiva, ardua e concreta, ed urgentemente necessaria: tentare di salvare il salvabile per evitare che la nave finisca sugli scogli.
E con molto, moltissimo lavoro e sacrifici, riportare la nave sulla giusta rotta verso porti sicuri.
Il circolo del PD di Caulonia ha accettato questa proposta-sfida. Tutto Qui.
Il gruppo ‘Insieme per Caulonia’, responsabilmente e coraggiosamente, lavora per questo.
Non per poltrone, né per potere, ma per Caulonia Futura.


Saluti.
Caulonia, 15 maggio 2017
Pier Francesco Campisi

Tagged with