Lettore segnala scempio a San Nicola di Caulonia

Lettore segnala scempio a San Nicola di Caulonia

Riceviamo da un lettore che vive a San Nicola e pubblichiamo:

“Dopo la distruzione dei muri a secco di Bumbuli cinque anni fa (in piena campagna elettorale) da parte dell’amministrazione comunale di allora, dopo le tonnellate di cemento che i privati cittadini hanno rovesciato sulle loro case antiche (e non parliamo degli infissi in alluminio ottonato!), ecco l’ultimo scempio che colpisce la già tanto abbandonata borgata di San Nicola. Cemento sul calvario del 1820 circa sito nella parte bassa di San Nicola. Chi ha ordinato questo scempio? Chi l’ha autorizzato?”