Il Comune di Caulonia sull’orlo del dissesto. Belcastro convoca Cagliuso

Il Comune di Caulonia sull’orlo del dissesto. Belcastro convoca Cagliuso

Riceviamo e pubblichiamo

Nella giornata di ieri venerdì 16 marzo l’Officina delle Idee è stata convocata in Comune dietro invito della Maggioranza consiliare per discutere sulla situazione economica dell’ente.
Innanzi tutto siamo veramente lieti che la maggioranza abbia accolto il nostro consiglio di aprire una fase di discussione. È il nostro modo di intendere la politica: in trasparenza e tesa alla partecipazione più ampia della cittadinanza, affinché essa stessa non sia solo spettatore passivo ma possa assumere un ruolo cardine nella scelta del proprio futuro.
Rimaniamo però allo stesso tempo sbalorditi sui contenuti.
Attoniti abbiamo ascoltato una mera dichiarazione orale attestante che l’Ente oggi versa in condizioni di debito; viceversa, ci saremmo aspettati da parte del sindaco, degli assessori e dei consiglieri di maggioranza l’esposizione di un piano strategico tangibile e quanto più chiarificatore della situazione, visto anche l’incarico esterno affidato ad una società specializzata nella materia in collaborazione con l’area economico-finanziaria.

A noi sono stati consegnati solo pochi documenti che riportano il riaccertamento dei debiti da imputare quali fuori bilancio che ogni area funzionale del nostro Ente ha accumulato e deve ripianare.
Ancora più strana ci appare questa forma avulsa di convocazione.
Noi dell’Officina avremmo preferito, e come sempre da noi manifestato, la convocazione di un consiglio comunale aperto al pubblico per discuterne insieme ai nostri concittadini.
Entrando nel merito dei contenuti, la mera consegna formale al nostro capogruppo di documentazione riportante il profilo di indebitamento del Comune di Caulonia non deresponsabilizza assolutamente l’attuale amministrazione bensì ne sottolinea inequivocabilmente e quantitativamente le responsabilità.
Per tutti noi che abbiamo deciso di prendere parte attiva alla tornata elettorale, era una condizione palese e risaputa, e consapevolmente tale problema doveva essere uno degli obiettivi prioritari della lista vincente.
Non ci sembra di aver letto nel programma politico della coalizione “Caulonia città Futura” l’obiettivo di accertamento del debito con conseguente dichiarazione di dissesto.
Non crediamo assolutamente che i Cittadini di Caulonia abbiano mai ascoltato questa promessa elettorale e tantomeno l’abbiano votata.
L’Officina sarà presente e, nel vigilare questo comportamento pressappochista ed estremamente superficiale, sarà apertamente ed in completa trasparenza dalla parte dei Cittadini per la tutela dei loro diritti.
Vogliamo e pretendiamo di essere amministrati degnamente.

Officina delle idee