Re.Co.Sol: effettuati screening sanitari dai cavalieri dell’Ordine di Malta

Si sono svolti questa mattina, martedì 6 aprile, gli screening sanitari presso l’associazione Re.Co.Sol Progetto Sprar di Gioiosa Ionica, gestiti e proposti dal Corpo militare dell’Associazione dei Cavalieri del Sovrano Militare dell’Ordine di Malta. Si tratta di un corpo speciale dell’esercito italiano, un ordine cattolico e cavalleresco, istituzione di diritto internazionale pubblico. Svolge attività mediche ed umanitarie in oltre 120 paesi del mondo gestite dai priorati, dalle associazioni nazionali e da agenzie internazionale. Ha relazioni diplomatiche con 107 Paesi, fra cui Paesi non cattolici e non cristiani, svolgendo compiti di assistenza ai poveri e agli ammalati in diversi paesi del mondo e di difesa della fede cristiana.

E’ stato lo stesso corpo militare a mettersi in contatto con l’associazione Re.Co.Sol, proprio per uno degli scopi a cui assolve, proponendo di effettuare a titolo gratuito uno screening sanitario sugli ospiti del progetto Sprar, con un fine preventivo. I beneficiari sono stati, difatti, sottoposti ad una visita oculistica ed una visita odontoiatrica; presenti questa mattina il T.Col. Me. Marco Scicchitano (Responsabile Unità Territoriale Calabria), il S.T. Me. Francesco Demasi (Ufficiale medico), il Caporale Francesco Curcio e il Dott. Dentista Francesco Scordamaglia; seguirà, nelle prossime settimane, un secondo step in cui verranno eseguite delle visite cardiologiche ed internistiche. Buona la risposta dei migranti. Le visite specialistiche si sono svolte presso la sede del front-office dello Sprar. Ancora una volta, possiamo sostenere a gran voce che il lavoro in rete è quello che porta al raggiungimento di traguardi importanti, più difficilmente conseguibile se si lavora secondo un’ottica di chiusura e autoreferenzialità.