Intervista a Mirko Maiolo (Caulonia rialza la testa!)

Intervista a Mirko Maiolo (Caulonia rialza la testa!)

Abbiamo intervistato Mirko Maiolo, della segreteria politica di “Caulonia rialza la testa!”.

Stasera manifesterete in Piazza Bottari, alle 18:30, per contestare l’aumento della tassa sui rifiuti che nei giorni scorsi è arrivata a tutti i cauloniesi e per opporvi all’amministrazione Belcastro. Perchè?

Questa amministrazione comunale è ormai screditata. Non solo per i danni fatti dalle ultime elezioni in poi ma per quanto non fatto negli ultimi anni, quando autorevoli esponenti di questa giunta comunale, a partire dal Sindaco, hanno male amministrato Caulonia, portandoci ad oggi. I cittadini sono stanchi e ora l’aumento delle tasse è solo l’ultima goccia. Chi vuole continuare a credere che ci sia un futuro per questo paese deve cominciare a costruirlo in prima persona. Per questo chiamiamo tutti alla mobilitazione per stasera, quando ci sarà anche l’intervento della nostra Portavoce Suely Di Marco che metterà in chiaro che il futuro è nostro, non siamo più disponibili a delegarlo a chi ha già ampiamente dimostrato di non sapere amministrare. Si, il futuro è nostro, di quelli della mia generazione, e ce lo prenderemo. Loro hanno già fatto abbastanza, lasciandoci sulle spalle 3 milioni e mezzo di euro di debiti che dovremo ripagare.

L’iniziativa di stasera è organizzata in collaborazione con l’Officina delle Idee. Avete intenzione di collaborare con altre forze politiche?

Certo, tutti coloro che sono stanchi dello stato di cose attuali e che vogliono spazzare via la casta sono nostri possibili interlocutori. Ogni confronto dovrà essere basato sulle intenzioni future e su proposte concrete per Caulonia. Non siamo interessati al teatrino della politica, a breve andremo ad amministrare questo paese e non abbiamo tempo da perdere in rituali insulsi. Siamo aperti al dialogo e  nei giorni scorsi abbiamo ricevuto un invito al confronto da un sostenitore di questa amministrazione comunale che sta devastando Caulonia. Appena possibile ci riuniremo per discuterne con tutti i nostri simpatizzanti e forniremo una risposta chiara ma per quanto mi riguarda dobbiamo essere aperti al confronto con tutti, nessuno escluso, fermo restando che poi seguiremo la nostra strada con fermezza. E la nostra strada afferma con risolutezza che per amministrare un paese complicato come Caulonia ci vogliono competenze. Quando amministreremo, a gestire i conti e il bilancio del comune non ci sarà un medico ma una persona con professionalità tali da fargli svolgere quel compito al meglio. E così anche in tutti gli altri settori chiave. Se c’è una cosa che non manca a questo paese sono le professionalità, che però non vengono mai valorizzate ma tenute ai margini. Nella nostra idea di paese invece saranno centrali.

Cosa manca a Caulonia per quelli della tua età?

Non saprei da dove cominciare… Caulonia ha grandi potenzialità mai sfruttate. I ragazzi dovrebbero avere, per esempio, dei luoghi dove praticare lo sport. In realtà a Caulonia le strutture sono anche state costruite ma ad oggi sono quasi tutte inutilizzabili. Di sicuro c’è una corresponsabilità di una parte minoritaria della popolazione, gli atti di vandalismo e i danneggiamenti sono frequenti. Ma allo stesso tempo manca la mentalità amministrativa per una gestione sana del paese. Il lavoro su un’opera pubblica, come un campo da tennis o da calcio, non finisce con la costruzione. Le strutture hanno bisogno di manutenzione, di essere curate e rese fruibili, quando serve anche con l’aiuto dei privati. Il campo da tennis sul lungomare è distrutto, quello da basket altrettanto, non parliamo del campo da calcetto di Focà e potrei continuare a lungo. Bisognerebbe ripartire dall’esistente, rendendolo fruibile ai cittadini. Inutile costruire ancora se poi tutto diventa degrado e abbandono. Sarà questa la mentalità che porteremo all’amministrazione appena i cittadini ci daranno fiducia. Cominciamo stasera in piazza Bottari a dire basta all’amministrazione del dissesto e delle tasse.