Federica Roccisano a supporto dell’introduzione della doppia preferenza di genere

Federica Roccisano a supporto dell’introduzione della doppia preferenza di genere

Riceviamo e pubblichiamo

È necessario che il Consiglio Regionale della Calabria si attivi e che nel più breve tempo possibile calendarizzi l’approvazione della legge di introduzione della doppia preferenza di genere. Sarebbe un segnale di maturità, di civiltà e di consapevolezza di quanto è importante la voce delle donne in politica e quindi nella più importante sede regionale, quella legislativa. Per questo motivo ho sottoscritto la petizione da oggi presente anche sul sito change.org.
Non è più accettabile immaginare che le donne debbano essere ancora oggi una “quota” delle nomine degli uomini ai vertici, quasi non avessero la medesima dignità di occupare proprio quei vertici politici. Sarebbe bello se la nostra politica regionale fosse matura per garantire un’opzione elettiva, realistica, per le donne. Purtroppo, basta fotografare la situazione attuale per comprendere che, fatte pochissime eccezioni, tutte le cariche dirigenziali dei partiti, soprattutto a sinistra, sono occupati da uomini, le segreterie provinciali come quelle regionali; mentre le uniche donne che hanno un ruolo nell’istituzione regionale, lo hanno in virtù della nomina effettuata da un uomo. Come poter pensare che senza uno strumento legislativo adeguato, le donne possano giocare un ruolo da protagoniste e non più da figuranti di comodo alle politiche degli uomini? Con l’introduzione del principio della doppia preferenza di genere, quindi, anche la Regione Calabria, rimasta tra le ultime in Italia a non aver ancora legiferato in materia, avrebbe uno strumento di equilibrio tra i generi e si aprirebbe ad una nuova, libera e consapevole rappresentazione delle donne in politica.

Federica Roccisano

Ciavula

GRATIS
VIEW