Gli appuntamenti di domani per l’ultima giornata del Riaceinfestival

Gli appuntamenti di domani per l’ultima giornata del Riaceinfestival

Riceviamo e pubblichiamo

In questo particolare momento storico in cui la questione della coesistenza tra popolazioni e tradizioni culturali differenti emerge in modo sempre più marcato questo festival vuole essere una iniziativa concreta che, attraverso il giovane ed universale linguaggio del cinema, promuova lo scambio e la conoscenza reciproca per contrastare forme di chiusura e razzismo. Uno spazio panoramico d’incontro e di confronto per produzioni indipendenti in un luogo simbolo del bacino del Mediterraneo da sempre crocevia di popoli, lingue, religioni e culture.

L’iniziativa è promossa da: Comune di Riace, la Regione Calabria, Rete Comuni Solidali, Asgi-Associazione Studi Giuridici Immigrazione e Associazione Città Futura Don Giuseppe Puglisi Riace, la rete del Caffe Sospeso
In collaborazione con: Streets Video, Il Salto, Comune Info, Officine Vonnegut
Direzione artistica a cura di:
Peppino Mazzotta, Chiara Sasso, Vincenzo Caricari
In collaborazione con: Tiziana Barillà, Roberta Ferruti, Enzo Infantino, Giovanni Maiolo.

Domenica 5 Agosto
Mediateca Comunale ore 18
Vita di Marzouk di Ernesto Pagano durata 60’

Vince il premio “Il Razzismo è una Brutta Storia” al Festival del Cinema Africano, d’Asia e America latina di Milano “Vita di Marzouk”, film documentario del napoletano Ernesto Pagano, già regista di “Napolislam”, finalista ai Nastri d’Argento 2016, venduto in diversi paesi nel mondo. Come “Napolislam”, il film è prodotto dal partenopeo Lorenzo Cioffi per Ladoc, autore della fotografia, questa volta insieme con Rai Cinema e partner internazionali prestigiosi: David Hurst per Dublin Films, France Télévisions e da Al Jazeera Documentary Channel. Il film, che gode del contributo della Regione Campania, è stato scritto da Pagano e Cioffi insieme con il bolognese Matteo Parisini, ormai di casa a Napoli, che ne firma anche il montaggio. Musiche del protagonista Marzouk Mejri e Fanfara Station (il cui bellissimo disco è di prossima uscita per l’etichetta partenopea Agualoca di Davide Mastropaolo con Audioglobe). Il film girato tra Napoli e la Tunisia è un viaggio alla scoperta di se stessi, del dramma dell’immigrazione che ha trasformato un musicista e oggi padre, adottato da Napoli, in un uomo “dalle mani di ghiaccio”.

Nel microcosmo del polistrumentista Marzouk Mejri si riflettono prove di integrazione quotidiana. Un padre che parla in arabo ai suoi figli nati a Napoli, la compagna, la volitiva e determinata Elvira, che non riesce più a comunicare con lui. I due entrano in crisi. Marzouk, collaboratore di musicisti come Peppe Barra, James Senese, Enzo Avitabile e la storica Nuova Compagnia di Canto Popolare, inizierà la ricerca della propria identità sulle rive del Mediterraneo. Questa volta non più da solo, ma con i due figli Alya e Jamal. Sulla tomba del nonno paterno la figlia Alya “gli domanderà con un filo di smarrimento se verrà sepolta anche lei in Tunisia oppure in Italia”. Ma il futuro è un’incognita. “Questo film si propone di spogliare della cronaca lo “scontro di civiltà” – spiega il regista Ernesto Pagano – per scoprire i fili universali che tengono legate le relazioni umane. Quei fili sono i sentimenti, e soltanto dopo arrivano i punti d’incontro (e di scontro) tra le diverse culture.
. Quei fili sono i sentimenti, e soltanto d’incontro (e di scontro) tra le diverse culture”.

Incontro con Pierre Preira Fondatore di Senaso Napoli

Dall’esperienza professionale e umana dei senegalesi Pierre Preira e Louis Benjamin Ndong, immigrati a Napoli 16 anni fa, nel febbraio 2016 nasce Senaso acronimo di Senegal-Napoli-Società un centro dove gli stranieri possono attingere per costruire un futuro diverso da quello già scritto dalla rappresentazione collettiva. Formazione, assistenza legale, progettazione e creazione di aziende tra i servizi offerti nella sede di piazza Garibaldi, 26.
Pierre Preira, che prima di aprire Senaso, ha lavorato come mediatore culturale e responsabile dello sportello immigrati della Federconsumatori di Napoli, ci racconta quali sono i bisogni emergenti dei migranti napoletani.

Domenica 5 Agosto
Anfiteatro di Riace Superiore ore 21
Spettacolo teatrale
Eisbolè, Invasioni Strappi Visioni di e con Fiamma Negri e Giusi Salis
Musiche di Stefano Bartoli e Alessandro Berti
Regia di Marino G Sanchi Durata 1’15”

Eisbolè è un progetto che nasce come una riflessione sulle cause delle migrazioni, un racconto con un punto di vista molteplice sulle ragioni dei grandi movimenti di persone.
Un racconto che nasce dalla collaborazione di Fa.R.M con l’ Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo, che ha deciso di allargare il suo campo di indagine dal conflitto armato ai conflitti di tipo economico e ambientale.
Eisbolè è uno spettacolo teatrale, ed è anche strumento di comprensione da utilizzare nelle scuole, nei luoghi di lavoro, insomma in spazi non teatrali: Pillole di Eisbolè. Fiamma Negri e Giusi Salis concentrano la narrazione per lasciare spazio alla riflessione al confronto al dubbio

 

Ore 22,30 Concerto finale a cura di:
Santino Spinelli Ambasciatore dell’arte e della Cultura Romaní nel mondo
Con Alexian Group, un viaggio nei meandri della millenaria cultura romanì. Festa per Tutti: Salvini uno di noi.

Santino, in arte Alexian, è l’ultimo di sei figli, di cui cinque sorelle. Nasce a Pietrasanta, in provincia di Lucca, il 21 luglio 1964, figlio di Gennaro e Giulia Spinelli, ma è a Lanciano, in provincia di Chieti, che compirà i suoi primi studi. Frequenta l’Istituto di Stato per il Commercio “P. De Giorgio”, dove si diploma con il massimo dei voti, 60/60. Ha conseguito due lauree presso l’Università degli Studi di Bologna, la prima in Lingue e Letterature Straniere con una tesi su George Borrow (1998) e la seconda, nel 2006, in Musicologia.
È sposato con Daniela De Rentiis, dalla quale ha avuto tre figli: Gennaro, Giulia ed Evedise, tutti musicisti professionali con cui tiene numerosi concerti in Italia e all’estero.


È fondatore e presidente dell’associazione culturale Thèm Romanò (mondo romanò). Nel 2001 viene eletto, quale unico rappresentante per l’Italia, al parlamento dell’Unione Internazionale Romaní (IRU), organizzazione non governativa con sede a Praga, attiva nel campo dei diritti dei popoli romaní, alla quale è stato garantito lo status consultivo presso alcuni organi delle Nazioni Unite. Nel 2002 Spinelli è stato docente di Lingua e Cultura Romanì (romanologia) presso l’Università degli Studi di Trieste, presso il Politecnico di Torino. Docente di Lingua e Cultura Romanì – Lingue e processi interculturali – presso l’Università degli Studi di Chieti dal 2008, ha anche tenuto un corso seminariale all’Università di Teramo nell’anno accademico 2013/2014. Nel 2003 viene nominato vicepresidente del parlamento dell’IRU e ambasciatore dell’arte e della cultura romani nel mondo per l’IRU e nel 2007 vicepresidente dell’IRU. È presidente nazionale della federazione FederArteRom.