‘Ndrangheta, duro colpo alle cosche “Cacciola” e “Grasso” – foto degli arrestati

‘Ndrangheta, duro colpo alle cosche “Cacciola” e “Grasso” – foto degli arrestati

Riceviamo e pubblichiamo

Il 2 agosto 2018 il Comando Provinciale di Reggio Calabria ha dato esecuzione nelle provincie di Reggio Calabria, Catania. Cosenza, Vibo Valentia, Ancona, Bologna, Udine e Pavia a 5 ordinanze di custodia cautelare emesse dall’Ufficio del GIP del Tribunale di Reggio Calabria, su richiesta della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia – diretta dal Procuratore della Repubblica Giovanni Bombardieri, nei confronti di 45 soggetti appartenenti o contigui alle cosche “CACCIOLA” e “GRASSO”, radicate nella Piana di Gioia Tauro e riconducibili alla società di Rosarno del mandamento tirrenico della provincia di Reggio Calabria, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, tentato omicidio, estorsione, porto e detenzione di armi comuni e da guerra, corruzione in atti giudiziari, produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti, danneggiamento, minaccia, intestazione fittizia di beni, impiego di denaro beni o utilità di provenienza illecita, violazione degli obblighi della sorveglianza speciale, aggravati da modalità mafiose o perché funzionali ad agevolare il sodalizio mafioso.

Oltre ai destinatari del fermo, fra gli arrestati figurano altre 7 persone, non destinatarie del fermo del 9 luglio, con ruoli di rilievo nelle due cosche rosarnesi.

‘Ndrangheta, 31 arresti nella Piana di Gioia Tauro. I dettagli dell’operazione e le foto degli arrestati

In particolare, emergono le responsabilità penali di quattro donne, che con le loro condotte hanno apportato un contributo sostanziale al perseguimento dei fini illeciti dell’articolazione mafiosa, favorendo la veicolazione dei messaggi fra i vari affiliati, anche con quelli detenuti, e gestendo in prima persona le iniziative imprenditoriali avviate per riciclare il denaro ricavato dal narcotraffico

Ufficio Stampa Comando Provinciale CC Reggio Calabria