Torrente Raganello, immortalata coppia di turisti sulle gole sequestrate

Torrente Raganello, immortalata coppia di turisti sulle gole sequestrate

Notizia tratta da: corrieredellacalabria

In paese regna il silenzio, i carabinieri appongono i sigilli lungo gli ingressi alle gole del Raganello e Civita – stretta nel dolore in una giornata di lutto cittadino – si interroga sul proprio futuro dopo la tragedia che si è portata via dieci persone. In serata, però, arriva il giallo. Un dubbio lascia pensare che qualcuno sembri non essersi accorto di nulla. E se non ci fossero le immagini di Sky a documentarlo si faticherebbe a crederlo. Il servizio mostra due turisti tra i sassi del torrente: indossano costume da bagno e infradito. Le inquadrature non permettono di capire quale sia esattamente il tratto. Ma il cronista pare certo: non potrebbero stare lì. Giovedì la Procura di Castrovillari ha disposto la chiusura di tutti gli ingressi alle gole teatro della strage. Il dubbio alimentato dalle riprese (ve ne proponiamo un frame sopra) è che controllare un serpentone lungo 13 chilometri sia quasi impossibile, anche adesso che l’attenzione delle forze dell’ordine è massima.
Anche adesso che sui nastri è appeso il provvedimento di sequestro emesso nell’ambito dell’inchiesta aperta contro ignoti per omicidio colposo, lesioni colpose, inondazione e omissione d’atti d’ufficio. Un giallo, appunto. Perché un’altra fonte – l’agenzia Ansa – fa riferimento alla presenza di due turisti; il contenuto, però, è molto diverso: «Solo una coppia di giovani tedeschi si aggira sin dove si può arrivare. Si dicono addolorati di non poter vedere le bellezze del canyon e in silenzio se ne vanno». Difficile sapere se si tratti della stessa coppia immortalata dalle telecamere di Sky.