Turista compra casa a Caulonia ma subisce una delusione e scrive al Sindaco

Turista compra casa a Caulonia ma subisce una delusione e scrive al Sindaco

Dal post di Pina Raso sulla pagina Facebook di “Caulonia rialza la testa!”

“Gentile sindaco,
Spinta da ricordi giovanili di lunghe spiagge incontaminate e di un mare dall’acqua limpida, nonché dalla passione dei miei familiari per questa splendida cittadina, ho deciso che da quest’anno le mie ferie sarebbero state qui. Ho comprato un appartamentino nella speranza che, diminuendo gli impegni, potrò trascorrervi sempre più tempo in completo relax. Grande è stata la delusione nel notare la cattiva manutenzione della cittadina. Due le cose che però trovo vergognose: lo scarico in mare della fognatura, come documentato dal filmato che allego, e la mancata raccolta differenziata, credo ormai unico paese in Italia.Ma lo sa che io raccolgo la plastica e, ogni volta che posso, la porto a Cittanova, mio paese di origine e dove si fa, già da anni, una differenziata spinta? Per quanto riguarda lo scarico della fogna in mare, provvederò al più presto a una denuncia alla magistratura. Se si è così incoscienti da inquinare il mare nostrum ( e proprio il caso di dirlo), noi cittadini non possiamo consentirlo. Una piccola riflessione, per finire: da quanto detto sopra, all’amministrazione comunale non sembra interessare l’igiene e la salute dei cittadini, si è prontamente provveduto però a ripulire le spiagge degli “sporchi” ombrelloni lasciati da malcapitati bagnanti che, pensando di fruire di tanta spiaggia libera, evitavano di portarli avanti e indietro. So cosa mi dirà: “ è la legge”, appunto! Non è la spazzatura il problema, non è la plastica, non è la fogna in mare, tutto questo è legale per il comune di Caulonia, ma gli ombrelloni no, devono essere smaltiti al più presto! Certamente, signor sindaco, non vanterò più al nord, come molti di noi hanno sempre fatto, le lunghe e belle spiagge dello Jonio, dove si può accedere con i propri ombrelloni, perché se li si lascia una notte si è dei fuorilegge! Una piccola nota per finire: se proprio non si vuole un minimo di igiene, si potrebbero almeno coprire i cassonetti per evitare i miasmi che inevitabilmente il caldo estivo produce nelle vicinanze?”