Armi clandestine nascoste in un terreno, un arresto nella Locride

Armi clandestine nascoste in un terreno, un arresto nella Locride

Riceviamo e pubblichiamo

I Carabinieri della Stazione di Caraffa del Bianco, assieme ai colleghi Cacciatori di Vibo Valentia, hanno arrestato ZANGARI Antonio, cinquantenne del posto, già noto alle forze di polizia con l’accusa di detenzione di armi clandestine.
In particolare, in contrada Iemallo di Sant’Agata del Bianco, nel corso di una perquisizione effettuata in un terreno nella sua disponibilità, i militari dell’Arma hanno rinvenuto tre fucili d’assalto AK-47 “Kalasnikov” ed una carabina, abilmente occultati all’interno di un tubo di plastica interrato nel terreno.
Il materiale rinvenuto, in ottimo stato di conservazione, è stato sottoposto a sequestro in attesa dei successivi accertamenti tecnici volti ad individuarne la provenienza, mentre l’arrestato, al termine delle formalità di rito, è stato posto agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Ufficio Stampa Comando Provinciale CC Reggio Calabria