Cara di Castelnuovo, la psicologa: “Io e 119 colleghi senza lavoro”

Cara di Castelnuovo, la psicologa: “Io e 119 colleghi senza lavoro”

Notizia tratta da: affaritaliani

Con il trasferimento dei migranti dal Cara di Castelnuovo di Porto, alle porte di Roma, anche oltre cento lavoratori, tra addetti alle pulizie a assistenti sociali, psicologi, medici, mediatori linguistici e insegnanti che da anni prestavano servizo nel centro d’accoglienza assunti con contratto dalla Coop Auxilium e Siar, restano senza lavoro.Tra loro c’è Francesca Maurizi, psicologa al Cara dall’aprile del 2014. “Posso dire che dal primo febbraio io e 119 colleghi rimarremo senza lavoro”.”L’ho saputo con un post su Fb di una collega, domenica pomeriggio alle 19, e lunedì abbiamo dovuto iniziare a fare le liste dei ragazzi per le patenze. Ci hanno lasciato anche la patata bollente di decidere noi dove mandare chi, non sapendo rispondere alle loro domande. Dove vado? Ci chiedevano e noi non avevamo indicazioni di nessun genere”.Difficile, racconta sostenere i migranti costretti allo sgombero. “Abbiamo cercato di sostenerli a livello umano, abbiamo ospiti con vulnerabilità sanitarie, psicologiche, una mamma con bambini, da sola, abbiamo cercato di non separarli, avevano creato legami tra loro e con noi operatori”.Hanno dovuto affrontare, dice un nuovo trauma. “Trauma che hanno vissuto nei loro paesi, io in questi 5 anni ho visto circa 8.000 persone e ho asscoltato storie di traumi nei loro paesi e durante il viaggio, e nei lager libici. Mi dicevano in molti: ho viaggiato con il terrore di essere ammazzato. Per fortuna sono stato solo maltrattato, torturato o stuprato ancora”