Michele Conia a fianco dei lavoratori del Porto di Gioia Tauro

Michele Conia a fianco dei lavoratori del Porto di Gioia Tauro

Riceviamo e pubblichiamo

Ci risiamo! 
Centinaia di lavoratori del Porto di Gioia Tauro rischiano seriamente di restare senza lavoro, si rischia , ancora una volta, la macelleria sociale ed economica di tutto il nostro territorio. I lavoratori continuano a dover pagare le scelte e le indifferenze di altri ed i disegni di chi vuole un Sud sempre più isolato, abbandonato e massacrato. Sono sempre stato al loro fianco, in ogni loro lotta e lo sarò anche questa volta, sono stato con loro nelle piazze calabresi ed a Roma davanti al Ministero e sono pronto a rifarlo perché sento tutto il peso politico ed istituzionale di non lasciarli soli in questo momento. 
Chiedo a tutti i Sindaci della Piana, alle Istituzioni regionali e non , senza cappelli politici, senza passerelle ed interesse di parte, di sostenere la lotta dei lavoratori che è la lotta di tutto il nostro territorio già umiliato ed in grande crisi. Il porto di Gioia Tauro non può essere considerato esclusivamente argomento di convegni e luogo di passerelle elettorali, per poi essere immediatamente dimenticato, cosi’ come i lavoratori non possono essere considerati solo numeri elettorali. Sosteniamoli ora, in modo unito e forte, facciamo sentire la resistenza della Piana e di tutta la Calabria, difendiamo i diritti e la dignità di centinaia di padri di famiglia. 
A tutti i lavoratori ed alle loro famiglie il mio abbraccio sincero e la richiesta di restare uniti e di non farsi strumentalizzare mai più da nessuno perché solo la lotta unità potrà darci risultati concreti.

Michele Conia (Sindaco Cinquefrondi)

Ciavula

GRATIS
VIEW