Le mani della ndrangheta sulla movida di Reggio Calabria

Le mani della ndrangheta sulla movida di Reggio Calabria

www.strill.it
Venticinque condanne ed una sola assoluzione. Questo il verdetto del processo “Eracle” celebrato con il rito abbreviato davanti al gup  di Reggio Calabria Filippo Aragona.


Avrebbero monopolizzato la movida reggina: agli imputati erano contestati reati che vanno dall’associazione di tipo mafioso, porto e detenzione di armi da guerra e comuni da sparo, estorsione, rapina, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, intestazione fittizia di beni, maltrattamento di animali, con l’aggravante del metodo mafioso.

Queste le condanne:

Andrea Morelli 20 anni; Cosimo Morelli 20 anni; Fabio Morelli 12 anni; Domenico Nucera 20 anni; Salvatore Falduto 20 anni; Francesco Ferrante 20 anni; Fabio Vittorio Minutolo 20 anni; Attilio Buontempone 12 anni; Michele Panetta 8 anni; Giuseppe Pecora 7 anni e 4 mesi; Fabio Caccamo 7 anni e 4 mesi; Fabio Puglisi 10 anni e 8 mesi; Francesco Barbaro 6 anni e 4 mesi; Enrico Barcella 14 anni; Mino Berlingeri 2 anni; Paolo Cosoleto 1 anno; Bruno Antonino Crucitti 1 anno; Basilio Cutrupi 7 anni e 4 mesi; Bruno Magazzù 4 anni; Giovanni Magazzù 14 anni; Egidio Morabito 1 anno; Antonino Marino Morabito 1 anno; Mostafa Nkairi 3 anni; Carmine Surace 2 anni; Francesco Condello 8 mesi.