La minoranza di Monasterace polemizza col sindaco

La minoranza di Monasterace polemizza col sindaco

Sono oramai trascorsi i primi cento giorni dall’insediamento del nuovo Consiglio Comunale.
Ci sembra giusto e doveroso informare i cittadini sull’operato innanzitutto del Gruppo di Minoranza “Assieme per Rinnovare”, ma anche su tutte le vicissitudini che hanno coinvolto l’Amministrazione Comunale.

Appena insediati abbiamo deciso che la prima azione da intraprendere era quella di chiedere informazioni e documentazioni agli Uffici ed alla Giunta affinché potessimo avere un quadro completo e ben definito per poi poter dare il nostro contributo di azioni ed idee.

Un ringraziamento va quindi ai Responsabili dei Servizi i quali hanno risposto puntualmente alle nostre richieste ed istanze.
Purtroppo, con grande rammarico, dobbiamo segnalare che, in diverse circostanze, la nostra azione di minoranza è stata fortemente intralciata nel momento in cui il Sindaco Cesare Deleo è intervenuto a limitare la consegna di documentazione ed informazioni. Abbiamo deciso di non essere troppo propagandistici con stampa e social, abbiamo mantenuto sempre un profilo basso e rispettoso.

L’unico modo che conosciamo di svolgere il nostro compito di minoranza è quello di utilizzare tutti gli strumenti istituzionali, che ci vengono messi a disposizione:

  1. Richiesta documenti
  2. Interrogazione a risposta scritta
  3. Segnalazioni
  4. Proposte
  5. Discussione in Consiglio Comunale

Ed è proprio qui che sorge un grande problema: come può una minoranza svolgere il suo lavoro se non viene messa nelle condizioni di farlo omettendo documentazione e addirittura negandola (richiesta del Consigliere Armocida Nicola)?
Come può una minoranza vivere in maniera continuativa e costante l’esperienza amministrativa se le viene negato il diritto di avere una stanza nella quale potersi confrontare con i cittadini per poi proporre idee?

Possibile che sia necessario e più incisivo ricorrere ad articoli, social e manifesti per ottenere risposte?

Noi non vogliamo intraprendere questa strada, ma sappiamo che il nostro compito, seppur di minoranza, è legittimo, ugualmente importante, ma soprattutto è un nostro diritto!
Allora se a noi non volete dare conto o risposte, assumetevi la responsabilità di negarlo ai cittadini e dite direttamente a loro che non avete alcuna intenzione di chiarire od informarli su situazioni che loro stessi ci hanno segnalato, tipo:

  • –  In cosa consistono i problemi che ci sono al cimitero?
  • –  Cosa è successo al Mattatoio Comunale?
  • –  Perché il Presidente del Consiglio non ha chiarito la sua posizione sui fatti che loriguardano?
  • –  Che problemi ci sono sulla raccolta dei rifiuti (nello specifico sulla frazioneindifferenziata)?
    E poi perché non prendere in considerazione la proposta della Minoranza sulla rottamazione delle cartelle? Perché ancora non ci avete risposto?
    Forse perché eravate presi ed impegnati a mantenere le promesse elettorali gridate dal palco?
    No… anche qui avete disilluso tutti coloro che vi hanno creduto:
  • –  Piano spiaggia e sdemanializzazione in fase di definizione: FALSO
  • –  Acqua a costi ridotti: FALSO
  • –  Bando dei chioschi (solo una assegnazione): FALSO
  • –  Risparmio per raccolta differenziata: FALSO
  • –  Zona Rossa Lambrosi (collaborazione Università): FALSO ED INCOMPRENSIBILE A noi questo clima non piace!
    A noi sembra che ci sia la volontà di tenere i riflettori spenti su questioni importanti, tuttodeve essere sottaciuto, Monasterace deve essere “un’isola felice “, lo dimostra il fatto che non ci viene assegnato uno spazio all’interno della Casa Comunale, che ci vengono negati documenti ed informazioni, che venga querelato chiunque dissente (ci sono state segnalate diffide preventive ad organi di stampa, querele per post sui social …).
    Si parla sempre di Pace Sociale, salvo poi sentire dire che la Minoranza “blocca tutto e per questo non possiamo fare niente”, “bisogna fermarli in qualche modo”, “ non posso fare niente per colpa di quei…”.
    Inoltre, ci è stato segnalato che persone critiche sull’operato dell’amministrazione hanno subìto VILI INTIMIDAZIONI di chiara matrice politica (regolarmente denunciate). Ricordiamo al Sindaco che c’è una Minoranza! Lo INVITIAMO ad essere chiaro etrasparente nell’azione amministrativa , di prendere coscienza del dissenso crescente e dare le risposte attese, sempre nell’interesse del nostro Paese .
    La situazione amministrativa è difficile, lo sappiamo, ma non fate della Minoranza un alibi.

Il Capogruppo
Dott. Carlo Murdolo