Cambiamo Gioiosa denuncia: “La comunità gioiosana assiste inerme a numerosi atti intimidatori”

Cambiamo Gioiosa denuncia: “La comunità gioiosana assiste inerme a numerosi atti intimidatori”

Cosa sta succedendo a Gioiosa e, soprattutto, perché nessuno ne parla.

Da qualche tempo la comunità gioiosana sta assistendo inerme ad un crescendo di atti intimidatori nei confronti di suoi cittadini.

Durante l’ultimo anno sono stati numerosi i gravissimi fatti delittuosi che si sono verificati nel territorio di Gioiosa Jonica.

Diverse auto sono state date alle fiamme o attinte da colpi di armi da fuoco.

Recentemente un ex assessore comunale della giunta Fuda, fratello di un pentito di mafia, è stato tratto in arresto.

Da ultimo, qualche giorno addietro, l’officina di un ex dipendente comunale (unico tra gli ex lsu a non aver avuto il rinnovo del contratto di lavoro) è stata data alle fiamme.

Queste vicende non hanno avuto nessuna risonanza pubblica.

Nessuno tra gli amministratori ha sentito il dovere civico di spendere una parola, nessuno ne ha parlato.

Perché? Perché questo silenzio, perché questa indifferenza dinanzi ad episodi così gravi?

Il silenzio è pericoloso, forse ancor più pericoloso delle intimidazioni e delle sparatorie.

Quando, all’interno di una comunità, vicende così gravi sono fatte passare sotto silenzio si crea la convinzione che ciò rientri nella normalità, si determina una sorta di assuefazione alla sopraffazione ed alla violenza.

E’ per questi motivi che è necessario dare un segnale chiaro e forte alla cittadinanza facendoLe comprendere che la giunta e tutto il consiglio comunale, maggioranza e minoranza, sono uniti e vicini alla comunità in un momento delicato per il paese.

Ci pare, pertanto opportuno, anzi necessario, invitare l’Amm.ne comunale a prendere atto della situazione gravissima in cui versa il Comune di Gioiosa Jonica adottando tutti i provvedimenti e le iniziative utili a scongiurare una ulteriore escalation criminale.

Il Gruppo Consiliare “Cambiamo Gioiosa”