Un fermo per l’omicidio di un ex agente di polizia penitenziaria in Calabria

Un fermo per l’omicidio di un ex agente di polizia penitenziaria in Calabria

È stato eseguito un fermo per il caso dell’ex agente di Polizia penitenziaria, Angelo Pino, trovato morto nella sua auto davanti alla Chiesa di Maria Santissima delle Grazie a Sambiase nella notte tra sabato e domenica. Subito dopo il rinvenimento del cadavere, le indagini dei militari si sono concentrate sulla vita privata della vittima. Gli inquirenti hanno individuato un possibile sospettato, Giuseppe Guadagnolo. Una volta portato in caserma, l’uomo sarebbe crollato, confessando l’assassinio di Pino Angelo. Dopo aver pedinato l’ex moglie, il presunto assassino avrebbe raggiunto la vittima mentre stava rincasando in seguito ad una serata trascorsa insieme alla donna. Accecato dalla gelosia, Guadagnolo avrebbe ucciso la vittima con tre colpi di pistola.