‘Ndrangheta e massoneria: al MAG di Siderno la presentazione del libro inchiesta “Gotha”

‘Ndrangheta e massoneria: al MAG di Siderno la presentazione del libro inchiesta “Gotha”

Claudio Cordova è uno dei giornalisti più bravi del panorama editoriale  regionale e nazionale. Direttore dell’autorevole giornale on line “Il 
Dispaccio” ha recentemente dato alle stampe il suo terzo libro inchiesta 
“Gotha” (2019, PaperFirst) che costituisce una guida fondamentale per 
conoscere le cointeressenze che, specie nella nostra regione, vedono 
andare a braccetto, da almeno quarant’anni, la criminalità organizzata 
con pezzi dello Stato infedeli (in particolare modo i servizi segreti 
deviati) e una certa massoneria.

L’autore individua nel famigerato summit di ‘ndrangheta a Montalto i 
prodromi di quella infiltrazione criminale che porterà nel giro di poco 
tempo all’elevazione della mafia calabrese tradizionale (quella del boss 
sidernese Antonio Macrì e del suo omologo reggino Mico Tripodo) alla 
moderna holding criminale internazionale, che fiuta i business più 
redditizi con la complicità di politici e funzionari infedeli, nel nome 
della comune appartenenza massonica.

E’ un mondo torbido, quello tratteggiato da Cordova nel suo libro, in 
cui la ‘ndrangheta, dopo l’eliminazione fisica dei vecchi boss come 
Macrì e Tripodo, si lega a personaggi oscuri della politica e fiuta 
nelle grandi opere il modo di lucrare sempre di più, così come nei 
“nuovi” business del narcotraffico e dei sequestri.

Con una scrittura scorrevole e godibile, l’autore analizza in maniera 
lucida e precisa l’evoluzione criminale, tratteggiando in maniera 
appropriata i ritratti di personaggi oscuri almeno quanto i boss.

Non è un libro banale, il suo, in cui ci si limita a enumerare boss e 
“doti” di ‘ndrangheta. Al contrario, costituisce un utile strumento a 
comprendere il famigerato “secondo livello” (e anche, ove possibile il 
terzo) nel quale vanno individuati i mandanti e  i veri responsabili di 
tanti omicidi rimasti senza colpevoli.

C’è tutto in “Gotha”: i boss e i loro referenti politici che cambiano in 
base ai mutamenti dello scenario politico nazionale e internazionale, i 
faccendieri senza scrupoli e le guerre di ‘ndrangheta, le prime 
generazioni di alcune dinastie politiche nostrane e i personaggi oscuri 
che restano a galla nonostante gli sconvolgimenti politici, i partiti 
“liquidi” e la fine delle ideologie.

Il merito dell’autore è proprio questo: essere riuscito ad andare oltre 
il romanzo criminale delle avventure di boss e picciotti, aiutando a 
comprendere l’evoluzione di certi fenomeni. Ecco perché “Gotha” è uno 
strumento fondamentale per capire ciò che accadde nei decenni precedenti 
per poter sapere meglio cosa succede oggi.

“Gotha” verrà presentato mercoledì 30 ottobre alle 18 nello spazio 
culturale “MAG. La ladra di libri”. Gianluca Albanese dialogherà con 
l’autore.

Ufficio Stampa LocrideCultura