Catturato latitante: era rientrato in Italia per vedere i figli

Catturato latitante: era rientrato in Italia per vedere i figli

Si era reso da tempo irreperibile per sottrarsi alle condanne a suo carico, che erano diventate definitive, rifugiandosi all’estero.

La voglia di rivedere i propri figli lo ha indotto a “rischiare”, tornando a Sanremo, dove i piccoli vivono con la loro madre. Ma non tutto è filato liscio come sperava.

La serrata attività investigativa posta in essere dalla Squadra Mobile della Questura di Imperia ha consentito di rintracciare il fuggitivo in un appartamento in zona Baragallo, dove la moglie, italiana, ed i bambini, entrambi di pochi anni, si erano dovuti “sistemare” dopo la sua fuga.

Lì i poliziotti hanno fatto irruzione ieri mattina, trovandolo ancora a letto. L’uomo, quasi “rassegnato” al suo destino, non ha opposto alcuna resistenza ed ha riferito agli investigatori di aver trascorso alcuni mesi in Belgio, circostanza confermata da alcuni oggetti trovati in suo possesso che lo “ricollegavano” a quel Paese.

Certamente di origini maghrebine, il ricercato aveva negli anni fornito vari alias, in occasione delle diverse vicende criminali che lo avevano visto coinvolto, “spacciandosi” talvolta come cittadino tunisino, in altre circostanze come cittadino marocchino, fornendo sempre generalità differenti, ma la sua responsabilità nei vari reati è stata accertata attraverso i riscontri dattiloscopici, che hanno confermato trattarsi sempre della stessa persona.

A suo carico gravano numerose condanne, unificate dalla Procura della Repubblica di Imperia in un provvedimento in cui viene determinata la pena residua da eseguire in anni 3, mesi 3 e giorni 29 di reclusione, posto che aveva già trascorso in custodia cautelare (tra carcere e “domiciliari”) quasi un anno e mezzo.

Le condanne, alla pena complessiva di anni 4 e mesi 9 di reclusione, si riferiscono ad innumerevoli episodi di spaccio di sostanze stupefacenti commessi a Sanremo ed in altre località del ponente ligure tra il 2009 ed il 2013, nonché ad un episodio di resistenza a pubblico ufficiale, risalente all’anno 2011, in occasione del quale il “latitante” aveva preso a calci e pugni ben quattro carabinieri che stavano procedendo al suo controllo.

L’arrestato, dopo aver salutato i suoi familiari, veniva quindi condotto nel carcere di Sanremo.

Comunicato Stampa Questura di Imperia

Rispondi