Maxi sequestro di droga: la Polizia arresta 2 persone con 8 kg di cocaina

Maxi sequestro di droga: la Polizia arresta 2 persone con 8 kg di cocaina

Parma: nella tarda serata del 5 novembre scorso la Polizia di Stato ha tratto in arresto MACI Lorand e CELA Eduart che nascondevano all’interno di un garage sito in zona San Leonardo 8 panetti di cocaina per un peso complessivo di gr. 8512,00. Stavano diventando sempre più frequenti le “voci” che MACI coinvolto in un’indagine per traffico di stupefacenti nel 2008 e tratto in arresto per una consegna di circa 2 kg di cocaina ad un suo connazionale in Provincia di Alessandria, si fosse rimesso “in pista”, per tale motivo, gli investigatori dell’Antidroga hanno iniziato a monitorarne gli spostamenti.

Il MACI, che a Parma non aveva dato alcun segnale di sé, era titolare di una pizzeria in zona San Leonardo, tuttavia, all’esito dei primi accertamenti, il personale della Squadra Mobile ha notato che quella pizzeria aveva scarsissimi clienti e tale circostanza è apparsa sin da subito sospetta.

Nel prosieguo dell’attività di monitoraggio, si è accertato che il MACI aveva la disponibilità del predetto garage e che, all’interno di quel locale, spesso si recava un giovane connazionale che, successivamente, è stato identificato nel CELA Eduart. Nella tarda serata del 05 novembre, gli agenti dell’Antidroga hanno proceduto al controllo dei due in via Trieste e, alla domanda se nascondessero della sostanza stupefacente, immediatamente confessavano di conservarla all’interno del garage.

La perquisizione effettuata all’interno consentiva di trovare gli 8 panetti, conservati all’interno di una scatola di cartone. Nel corso della perquisizione estesa ai veicoli in uso ai due, nella FIAT 500 di CELA Eduart, si accertava che all’interno di questa, sotto ai sedili anteriori, erano stati creati dei vani ad hoc per l’occultamento ed il trasporto di stupefacente. I due venivano tratti in arresto ed associati in via Burla dove sono tuttora detenuti in stato di custodia cautelare.

Comunicato Stampa Questura di Parma

Rispondi