Caulonia, Tucci: “Questa minoranza è la peggiore che il paese poteva augurarsi”

Caulonia, Tucci: “Questa minoranza è la peggiore che il paese poteva augurarsi”

«Mai espresso giudizi su amministrazioni precedenti. Ho semplicemente dimostrato, carte alla mano, come le tariffe dell’acqua non hanno nulla a che fare con la dichiarazione di dissesto e sono le stesse approvate dall’Amministrazione Riccio nel 2013». Risponde così l’assessore comunale al bilancio di Caulonia Attilio Tucci alle critiche mosse pubblicamente dal gruppo di minoranza cauloniese. Qualche settimana fa l’assessore ha convocato una conferenza stampa per chiarire ai cittadini la situazione sui tributi comunali e l’acqua potabile. «Mi sono premurato di spiegare alla popolazione – ha ribadito Tucci – che la tassa sulla nettezza urbana non c’entra nulla con il dissesto, ma è regolamentata da una legge dello Stato del 2013, secondo cui l’Ente è tenuto ad assicurare, con i proventi della relativa tariffa, la copertura integrale dei costi di gestione del servizio di smaltimento rifiuti». 

Capitolo Imu. «La tariffa dell’Imu – ha precisato Tucci – sui terreni edificabili è la stessa da 10 anni. Se Cagliuso e Lancia (consulente esperto del sindaco Riccio) erano convinti che era ingiusta perché non l’hanno corretta? Ogni amministratore serio dovrebbe conoscere le leggi che ci obbligano a pareggiare i bilanci. E La tassazione – ha sottolineato – è l’unica strada per adeguarsi alle richieste di uno Stato ingiusto che ci vessa continuamente».

«Sono una persona onesta – ha tuonato l’assessore – Ritengo che Caulonia abbia bisogno di un periodo di ricostruzione e adeguamento alle leggi che considero inadeguate ed ingiuste. Non possiamo noi meridionali pagare le stesse tasse che pagano al nord con una disoccupazione 10 volte superiore. Amministrare per interesse personale? Nessuno dei componenti di questa Giunta ha mai lavorato per interesse personale, non so se tutti sono nelle condizioni di poter affermare ciò». Per l’assessore Tucci «Questa minoranza è la peggiore che il paese poteva augurarsi. Un gruppo rancoroso, che per recuperare la sconfitta elettorale non si ferma davanti a nulla, cavalcando le situazioni più tristi senza riuscire a dare concretamente soluzioni». 

Ufficio Stampa Comune Caulonia

Rispondi