Giorno della Memoria, il programma degli eventi a Caulonia

Giorno della Memoria, il programma degli eventi a Caulonia

L’Amministrazione comunale di Caulonia in collaborazione con alcune associazioni, ha inteso promuovere in occasione della ricorrenza del 27 gennaio, Giorno della Memoria (istituita in Italia con la legge 211 del 20 luglio 2000, “al fine di ricordare la Shoah, le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonchè coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati”) due importanti momenti di riflessione e di approfondimento.

Verranno proposti all’Auditorium A. Frammartino due spettacoli teatrali, rivolti sia ai ragazzi durante le matiné -ore 9;30, che ad un pubblico più ampio con la programmazione serale delle ore 21;00.

Il sipario si apre giorno 25 gennaio con un progetto teatrale di Emergency dal titolo “Stupidorisiko. Una geografia di guerra”, una critica ragionata e ironica della guerra e delle sue conseguenze, alla presenza dell’attore e drammaturgo Mario Spallino.
Lo spettacolo vuole diffondere e promuovere i valori della pace e della tolleranza e denunciare il dramma della guerra.

Giorno 28 gennaio ore 9:30 si ricorderà il dramma della Shoah con lo spettacolo teatrale “Le farfalle non volano nei lager” un lavoro che non si accontenta di vuote celebrazioni ma pone delle domande e si interroga sulle circostanze storiche per dire “…MAI PIU’”.
All’interno dell’Auditorium A. Frammartino sarà, altresì, allestita la mostra fotografica “SIMILITUDINI: SCATTI ATTUALI PER NON DIMENTICARE.”

La Mostra a cura di PoPSJ -sezione Jonica propone gli scatti dei fotografi: Manuela Cavallin, Marco Cinque, Villiam Covasso, Pino Curtale, Luca Daniele, Gilberto Nardini, Enzo Niutta, Emiliano Rinaldi.
La mostra è stata già promossa lo scorso anno dal Comune di Roccella Jonica. I fotografi partecipanti hanno messo a disposizione i loro scatti che testimoniano nel presente quanto sia sottile la linea di demarcazione tra Memoria e oblio e il rischio che la storia si ripeta. Le minoranze perseguitate dal nazismo sono tutt’oggi minoranze vittime sempre più spesso di omofobia, razzismo e violenze.

Il ricordo, la conoscenza e la riflessione sui temi della guerra, della Shoah e degli altri crimini contro l’umanità hanno un valore educativo, soprattutto per le giovani generazioni, ritenendo che l’insegnamento e l’approfondimento di quanto tragicamente avvenuto sia un veicolo per l’educazione ai valori della pace, del rispetto della diversità, della dignità di ogni individuo, della necessità di lottare contro l’antisemitismo, il razzismo e la xenofobia e in generale contro ogni forma di violenza.

La programmazione teatrale dell’Auditorium A. Frammartino curata dal consigliere Elisabetta Cannizzaro unitamente alla mostra fotografica proposta dall’Assessore alla cultura Domenico Campisi rappresentano gli strumenti che l’amministrazione cauloniese ha scelto per commemorare e riflettere su una giornata così importante, per non perdere la memoria sui fatti e le atrocità che hanno segnato la nostra storia.

Elisabetta Cannizzaro