Minacce di morte all’arbitro, daspo di 5 anni per un allenatore

Minacce di morte all’arbitro, daspo di 5 anni per un allenatore

Continua senza sosta l’opera della Polizia di Stato finalizzata a prevenire e a reprimere le condotte violente e di turbamento dell’ordine e della sicurezza pubblica commesse nei luoghi in cui si svolgono le manifestazioni sportive, qualunque sia lo sport, la serie o la categoria di appartenenza.

Dopo i brillanti risultati dello scorso anno, durante il quale sono stati emessi n.39 provvedimenti di d.a.spo, sono già 4 gli analoghi provvedimenti adottati dall’inizio dell’anno dal Questore di Reggio Calabria, che si distinguono dai precedenti per essere stati adottati tutti e quattro in categorie calcistiche considerate “minori”.

I primi due provvedimenti sono stati adottati nel mese di gennaio scorso in occasione di partite di calcio di categoria “Under 17” mentre gli altri due sono stati adottati nel corrente mese in occasione di due partite disputate rispettivamente nel campionato di “Eccellenza” e di “Promozione”.

Ciò a riprova di una costante presenza e di un’attenta vigilanza della Polizia di Stato anche su quelle manifestazioni sportive che, sebbene richiamino un pubblico numericamente minore rispetto alle serie professionistiche, non per questo sono da considerarsi meno delicate dal punto di vista dell’ordine e della sicurezza pubblica.

Il primo degli odierni provvedimenti di d.a.spo. è stato adottato per la durata di due anni nei confronti di V. G. cl.’80, sostenitore della “A. C. Locri 1909”, responsabile dei disordini verificatosi il giorno 16.11.19 presso l’impianto sportivo “Parco Longhi – Bovetto”, sito in località periferica di questo centro, in occasione dell’incontro di calcio tra la predetta squadra e quella della “A.S.D. Reggiomediterranea 1986”, valevole per il Campionato di Eccellenza 2019/20.

Il predetto tifoso per futili motivi, ovvero la mancata restituzione di un pallone, aveva cercato lo scontro fisico con i sostenitori della squadra locale determinando una situazione di grave turbamento dell’ordine pubblico, che non ha avuto conseguenze più gravi solo per il pronto intervento del personale della Polizia di Stato, che si è frapposto tra le due tifoserie al fine di tutelare l’incolumità fisica degli altri spettatori presenti nella stessa tribuna in cui i tifosi si stavano affrontando.

Il secondo provvedimento di d.a.spo. è stato adottato per la durata di anni cinque nei confronti di A. G. cl.’79, allenatore della compagine calcistica della “A.S.D. Ludos Ravagnese Calcio”, resosi responsabile dei gravi disordini occorsi il giorno 08.02.20 presso l’impianto sportivo sito in “Croce Valanidi”, alla periferia sud di questo centro, in occasione dell’incontro di calcio tra la predetta squadra e quella della “U.S.D. Africo 1981”, valevole per il Campionato di Promozione Girone “B” 2019/20.

In quell’occasione il citato allenatore aveva contestato e minacciato di morte il direttore di gara, a causa dell’assegnazione e della successiva ripetizione di un rigore a favore della squadra ospite, con una violenza tale che i giocatori della sua squadra, infervorati dalla reazione violenta e spropositata del loro allenatore, hanno accerchiato la terna arbitrale offendendola e minacciandola a loro volta.

Con il provvedimento è stato prescritto all’allenatore l’obbligo di presentazione presso questi Uffici, in occasione di tutte le manifestazioni sportive in cui sia impegnata la squadra della “A.S.D. Ludos Ravagnese Calcio”, convalidato dalla competente A.G. per la durata di anni due.

La Polizia di Stato, nella più ampia ottica di recuperare la dimensione sociale del calcio da vivere come passione, divertimento e partecipazione e di educare tutti al rispetto dei veri valori dello sport, ribadisce, con l’adozione del citato provvedimento, la ferma volontà di bandire da tutte le manifestazioni sportive, di qualsiasi sport, serie o categoria di appartenenza, ogni forma di violenza, discriminazione e intemperanza da chiunque commessa.

Photo by Jannik Skorna on Unsplash

Ufficio Stampa Questura Reggio Calabria