IL RISCALDAMENTO GLOBALE PUÒ LIBERARE ANTICHI VIRUS BLOCCATI NEI GHIACCIAI DA 15000 ANNI

IL RISCALDAMENTO GLOBALE PUÒ LIBERARE ANTICHI VIRUS BLOCCATI NEI GHIACCIAI DA 15000 ANNI

Un gruppo internazionale di ricercatori, capeggiati dall’Università dell’Ohio, ha lanciato l’allarme lo scorso 7 gennaio attraverso la pubblicazione su BioRxiv di uno studio riguardante le analisi di campioni prelevati dal ghiacciaio Gulyia, sull’Altopiano Tibetano in Cina, tramite l’effettuazione di carotaggi.

Grazie agli studi fatti sui campioni, prelevati nel 2015 fino a profondità di 50 metri, i ricercatori hanno potuto rilevare la presenza di 33 famiglie differenti di virus, di cui 28 completamente sconosciute, imprigionate all’interno del ghiacciaio nel corso della storia, in periodi che vanno da 500 a 15000 anni fa.

Questi virus rischiano di essere sprigionati a causa dello scioglimento dei ghiacciai, provocato dal surriscaldamento globale, ed è questo a doverci realmente preoccupare oltre che spingerci ad agire come nel bel mezzo di un’EMERGENZA, quella per impedire il collasso climatico.

L’ultimo segnale di questa emergenza arriva dall’Antartide, grazie a delle fotografie scattate dalla NASA, dove le alte temperature della prima parte di febbraio hanno causato lo scioglimento di una gran quantità di ghiaccio, in meno di dieci giorni.