A Giorgiana, assassinata a 18 anni: noi sappiamo chi è stato!

A Giorgiana, assassinata a 18 anni: noi sappiamo chi è stato!

12 maggio 1977. Un’ondata di mobilitazioni travolgeva il paese. Conquistava diritti, spaventava i più forti e quelli che volevano che non cambiasse nulla.

La strategia della tensione di Francesco Cossiga, all’epoca ministro dell’Interno, vietò tutte le manifestazioni di piazza a Roma, per l’intero mese di maggio.
Alcuni sfidarono il divieto, in migliaia risposero a quest’appello.
Qualcuno sparò deliberatamente su quel corteo.

Giorgiana Masi, 18 anni, fu ammazzata da un proiettile delle forze dell’ordine. Una giovane donna, una compagna, una militante, una vita da fare ancora.
Non la dimentichiamo, mai.

“Se la rivoluzione di Ottobre fosse stata di Maggio,
se tu vivessi ancora,
se io non fossi impotente di fronte al tuo assassinio
se la mia penna fosse un’arma vincente,
se la mia paura esplodesse nelle piazze,
coraggio nato dalla rabbia strozzata in gola,
se l’averti conosciuta diventasse la nostra forza,
se i fiori che abbiamo regalato alla tua coraggiosa vita nella nostra morte
almeno diventassero ghirlande nella lotta di noi tutte donne, se..
Non sarebbero le parole a cercare di affermare la vita,
ma la vita stessa, senza aggiungere altro.”

Dalla pagina facebook di Potere al Popolo