Sainato smentisce la sospensione della sanificazione dell’ospedale di Locri

Sainato smentisce la sospensione della sanificazione dell’ospedale di Locri

In riferimento alla nota stampa fatta circolare ieri da parte della FSI-USAE su una presunta sospensione delle operazioni di sanificazione e disinfezione del presidio ospedaliero di Locri (e nello specifico degli spazi e delle attrezzature ospitate presso la tensostrutura di accoglienza e smistamento dei pazienti potenziali Sars-CoV19 posta dinnanzi al Pronto Soccorso), si rende nota l’assoluta infondatezza della questione.

Volendo entrare tecnicamente nella problematica, si richiama l’atto di Deliberazione della Commissione Straordinaria dell’Asp di Reggio Calabria n° 279 del 30 Aprile 2020 trasmessa al Collegio Sindacale in data 30 Aprile 2020, con la quale viene interpellata la Ditta aggiudicatrice per l’affidamento della fornitura dei servizi di pulizia e sanificazione delle strutture sanitarie oggetto della suddetta competenza.

Tra queste, vengono dettagliati “a chiamata” i locali dell’Ospedale civile di Locri comprensivi del Pronto Soccorso unitamente a tutti i reparti, il Centro Disabili Neurolesi, Consultorio-Guardia Medica – CSM, P. O. e la Tenda Pre-Triage.

In altri termini, si tratta soltanto di uno spiacevole fraintendimento, fortunatamente privo di concretezza, in quanto il presidio della tensostruttura verrà sottoposto – come si evince dalla delibera amministrativa indicata – alla medesima, regolare e giornaliera sanificazione riservata al Pronto Soccorso dell’Ospedale civile.

Inoltre, nell’atto citato viene contemplata finanche la possibilità di richiedere “aggiuntivi interventi straordinari rispetto alle attività già programmate, nel caso del verificarsi di ulteriori di necessità”, con la previsione di poter allentare le attività straordinarie di pulizia e sanificazione esclusivamente al “cessare e/o mutare dello stato esigenziale”.

Dunque, allo stato attuale, l’avvio della seconda fase di gestione dell’emergenza epidemiologica, non deve far temere ai Cittadini nessuna inoperosità o rallentamento delle necessarie misure di contenimento alla diffusione del virus e salvaguardia della salute pubblica, compreso lo svolgimento delle attività di sanificazione e disinfezione.

Consigliere Regionale Raffaele Sainato