CGIL: “Il Sindaco di Riace lede i dettami costituzionali ed umanitari”

CGIL: “Il Sindaco di Riace lede i dettami costituzionali ed umanitari”

I Segretari Generali della CGIL Calabria e della CGIL Reggio Calabria – Locri, Angelo Sposato e Gregorio Pititto, esprimono totale sconcerto e disappunto rispetto alle decisioni assunte dal sindaco di Riace, Tonino Trifoli, contrario all’invito di Prefettura ed Asl di porre in quarantena dei migranti positivi o presunti tali, al Covid 19, nell’ex Hotel Stella Marina sito, appunto, nel comune di Riace.

La propaganda leghista supera il valore della vita sostengono i due Segretari. 

Riace è paese la cui notorietà è stata sempre legata all’accoglienza, diventandone un modello a livello mondiale grazie all’instancabile attività del suo storico sindaco Mimmo Lucano con il quale la Camera del Lavoro della CGIL Reggio Calabria- Locri ha realizzato costantemente iniziative e progetti volti a sostenere e rafforzare un modello di accoglienza ed integrazione certamente paradigmatico.

La CGIL è sempre stata impegnata nel contrastare le tensioni diffuse nei territori ed alimentate da un “sentimento” di chiusura verso l’altro che rischia di minare alle fondamenta la democrazia e la convivenza civile nel nostro Paese e in Europa sostiene Sposato.

Dunque la risposta negativa del primo cittadino di Riace, Tonino Trifoli ad una richiesta di aiuto, è per la Cgil  un atto grave in cui in cui vengono lesi i dettami costituzionali ed umanitari secondo i due segretari..

Certamente la nostra già prevista apertura di una Camera del Lavoro a Riace, sarà d’aiuto ad una politica dell’accoglienza e del rispetto dell’altro, perché presidio costante dei bisogni  di tutti , nessuno escluso. Questo dunque sarà il nostro immediato contributoper contrastare ed arginare i possibili effetti di un’azione riprovevole concludono i segretari. 

I Segretari Generali

CGIL Calabria Angelo Sposato

CGIL Reggio Calabria – Locri Gregorio Pititto