Dal 1 al 31 agosto Riace apre le porte all’edizione 0 di INTRECCI, mostra d’arte contemporanea

Dal 1 al 31 agosto Riace apre le porte all’edizione 0 di INTRECCI, mostra d’arte contemporanea

Dal 1 al 31 agosto Riace apre le porte all’edizione 0 di INTRECCI, mostra d’arte contemporanea pubblica che coinvolgerà le strade e le mura del centro storico. L’evento, della durata di un mese è coordinato da La casa
della poetessa e curato da Luca Granato, Chiara Lorenzetti e Daniela Maggiulli all’interno del festival Riace, utopia e poesia. Gli abitanti del luogo e le pareti esterne delle loro case diventeranno rispettivamente
custodi e luoghi di allestimento. L’idea di museo adottivo nasce dalla necessità di distruggere i confini dentro i quali, troppo spesso, l’arte viene chiusa, rendendo la sua fruizione difficile, esclusiva e passiva.

Più di 40 artisti hanno aderito regalando a Riace e alla sua comunità non solo arte ma, soprattutto, un’opportunità di dialogo, confronto e bellezza. Ogni opera trova la sua collocazione all’interno del paese
perché scelta dall’abitante che la ospiterà e se ne prenderà cura per tutta la durata della mostra. Il mestiere dell’arte è qui intrecciare storie, tessere trame e spingere lo sguardo oltre l’orizzonte per creare nuove
visioni e aprirci al campo della possibilità e dell’irrealizzabile. La mostra è organizzata in collaborazione con Accademia di belle arte di Catanzaro, Gaia, galleria indipendente di Cosenza, e il Santuario dei Santi Medici
Cosma e Damiano di Riace.

Daniela Maggiulli