Lo squadrismo leghista mette alla gogna un ragazzino di 15 anni

Lo squadrismo leghista mette alla gogna un ragazzino di 15 anni

È grave che un uomo di 47 anni esponga alla gogna di centinaia di persone un ragazzo di 15.

È grave, eppure oggi è successo. Perché Leon, il figlio di Selvaggia Lucarelli, che ha 15 anni, ha voluto – legittimamente – contestare Matteo Salvini, peraltro in modo civile. E in risposta la Lega lo ha esposto alla gogna mediatica, facendogli piovere centinaia di insulti, spesso pesantissimi. Che si sono abbattuti sulle spalle di un adolescente.

Un episodio vergognoso, irresponsabile, che va oltre la dialettica politica ed entra in un campo da cui è bene rimanere fuori: quello dello squadrismo digitale. Per giunta fatto su un minorenne.

A Leon, a tutti gli adolescenti che hanno voglia di dire la loro, mandiamo allora un abbraccio.
E a tutte e tutti diciamo una sola cosa: questa non sarà mai la nostra – si fa fatica a chiamarla così – “politica”. Mai e poi mai.

Marco Furfaro