La minoranza all’attacco dell’amministrazione di Monasterace: “Chiude la sede Asp senza che facciano nulla”

La minoranza all’attacco dell’amministrazione di Monasterace: “Chiude la sede Asp senza che facciano nulla”

La situazione della Sanità calabrese è difficile e quella di Monasterace non fa eccezione.
Si stanno facendo battaglie a vario livello per cercare di porre rimedio a tale criticità.

La sede Asp di Monasterace sta subendo un inesorabile declino e ridimensionamento nel silenzio più assoluto e nell’indifferenza delle istituzioni locali.

Di recente stiamo assistendo allo stillicidio della storica “Mutua” di Monasterace.

Diverse specialistiche sono state dirottate verso altri lidi e si teme che a breve ci possa essere il trasferimento definitivo a favore di altre sedi.
Noi come Gruppo di Minoranza, in tempi non sospetti, avevamo denunciato questo pericolo e fornito delle alternative presentando una proposta in Consiglio, puntualmente bocciata dalla Maggioranza (avevamo, infatti, proposto la creazione di un polo sanitario nella sede di via Nazionale, dove oggi è collocata la sede comunale, per ospitare l’Asp, la Guardia Medica e tutte le associazioni socio-sanitarie).

Sull’argomento l’Amministrazione Comunale dimostra un allarmante disinteresse ed un silenzio colposo che sta favorendo il processo di chiusura della struttura Asp.

Una questione così importante non può essere trattata con superficialità da parte dell’Amministrazione: è innegabile che la sede Asp serve un territorio ampio e porta benefici di ogni tipo alle comunità interessate.

Mentre da ogni parte si battaglia per mantenere i servizi ed addirittura migliorali, a Monasterace si lascia fare e disfare senza che nessun argine venga posto da parte delle Istituzioni Locali!! È VERGOGNOSO!!!!

La chiusura della “Mutua” sarebbe un danno irreparabile per un territorio già abbandonato, costringerebbe molte persone a doversi spostare, con gravi disagi, per espletare quello che dovrebbe essere un diritto sacrosanto (alla salute).

Oltre le specialistiche già perse, a breve andrà in pensione l’addetto ai vaccini, questo significa, che se non viene designato un sostituto, per usufruire di questo servizio bisognerà andare a Caulonia o Locri: ma questo interessa a qualcuno?

Chiediamo al Sindaco cosa intenda fare!!!
Non è accettabile che scelte sbagliate o interessi di parte (ognuno si cura il proprio orticello…), possano lasciare un Comune come Monasterace e quelli limitrofi senza un servizio essenziale.

Noi, come Gruppo di Minoranza, qualora la latitanza dell’Amministrazione dovesse perdurare anche su questo tema, attiveremo tutti i canali possibili affinché la “Mutua” resti a Monasterace e vengano ripristinati i servizi che sono stati già chiusi.

Invitiamo i cittadini, le Istituzioni, la Politica a farsi carico di questa importante e vitale questione.

I territori non possono essere lasciati a loro stessi, non devono morire!!!

Il Gruppo di Minoranza
Assieme Per Rinnovare