I ristoratori non usano bombe carta. A fare la guerriglia sono i fascisti, non i cittadini perbene

I ristoratori non usano bombe carta. A fare la guerriglia sono i fascisti, non i cittadini perbene

No, non chiamatela “la rivolta dei commercianti”. Perché un vero commerciante non scenderebbe mai in piazza per rivendicare lavoro sfasciando le vetrine di altri commercianti.

O, peggio ancora, saccheggiandoli. Le cose vanno chiamate con il proprio nome: questo è squadrismo fascista. E i fascisti non intervengono mai per sostenere davvero il popolo ma solo per destabilizzare lo Stato, le istituzioni e l’ordine pubblico.

Non da oggi, da sempre. Ed è la storia di questo Paese a dircelo. Alle persone perbene che scendono legittimamente in piazza per chiedere sicurezza sociale ed economica vogliamo dire di non lasciarsi ingannare da questi criminali.

Perché l’unico vero risultato che sono in grado di ottenere, oltre a sfasciare le vetrine, è quello di danneggiare le vostre rivendicazioni e preoccupazioni.

Conosciamo tutti i sacrifici che avete fatto per mettere a norma i vostri locali, per questo ci impegniamo a sostenere economicamente voi e le vostre attività. Lo Stato è la risposta. Il fascismo non lo è mai.

Nicola Oddati