Calabria: tenta di distrarre i poliziotti per rimuovere un magnete all’interno del contatore elettrico, arrestato

Calabria: tenta di distrarre i poliziotti per rimuovere un magnete all’interno del contatore elettrico, arrestato

Nel corso di questa settimana, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio e del “Piano di Azione Nazionale e Transnazionale – Focus ‘ndrangheta” sono stati conseguiti i seguenti risultati:

  • nr. 01 persona tratta in arresto;
  • nr. 04 persone deferite all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà;
  • nr. 02 persone segnalate all’Autorità Amministrativa, in quanto assuntori di sostanze stupefacenti;
  • identificate nr. 838 persone;
  • controllati nr. 259 veicoli (anche con sistema Mercurio);
  • effettuati numerosi posti di controllo;
  • elevate nr. 17 sanzioni per violazioni al Codice della Strada;
  • effettuati nr.07 fermi/sequestri amministrativi e/o penali;
  • elevate nr. 07 contestazioni amministrative in materia di contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 (ex D.L. n. 19 del 25.03.2020);
  • effettuate nr. 19 perquisizioni;
  • nr. 02 persone accompagnate in Ufficio per identificazione;
  • effettuati nr. 02 controlli amministrativi e, contestualmente, elevata nr. 01 sanzione amministrativa e/o penale.

Nel pomeriggio del 16 gennaio u.s., personale della Squadra Volante, in via G. di Vittorio, ha rinvenuto e sequestrato, a carico di ignoti, gr. 9,86 di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”.

Nella giornata del 17 gennaio u.s., personale della Squadra Volante, ha deferito all’Autorità Giudiziaria, ai sensi dell’art. 4 L. 110/75, per “porto di armi od oggetti atti ad offendere”, P. G., crotonese, classe 1966. Il predetto, sottoposto a perquisizione personale, veniva trovato in possesso di nr. 1 coltello da cucina della lunghezza complessiva di cm 19 e la cui lama aveva lunghezza cm 8, opportunamente sequestrato.

Nella serata del 17 gennaio u.s., personale della Squadra Volante ha segnalato all’Autorità Amministrativa, ai sensi dell’art.75 D.P.R. 309/90, M. L., crotonese, classe 1980, in quanto assuntore di sostanze stupefacenti. Nella fattispecie, l’uomo veniva trovato in possesso di grammi 0,75 di “cocaina”, opportunamente sequestrata. Inoltre, veniva sanzionato ex D.L. n. 19 del 25.03.2020 per violazione della normativa vigente in materia di prevenzione a contrasto da Covid-19

Nella serata del 18 u.s., personale della Squadra Volanti ha deferito all’A.G. E. L., nato a Crotone nel 1994, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Lo stesso è stato sorpreso mentre cedeva 5.30 grammi di sostanza stupefacente tipo marijuana a C. D., nato a Crotone nel 1992. Quest’ultimo è stato segnalato al Sig. Prefetto in quanto assuntore di sostanza stupefacente.

Nel pomeriggio di martedì 19 gennaio u.s., in via Magna Grecia, personale della Squadra Volanti ha rinvenuto e debitamente sequestrato a carico di ignoti, gr. 1,01 di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”.

Nella giornata di mercoledì 20 gennaio u.s., personale della Divisione P.A.S.I. – Squadra Amministrativa, unitamente a personale del Reparto Prevenzione Crimine di Cosenza ed a tecnici verificatori dipendenti della società “Enel E – Distribuzione”, in ottemperanza ai servizi “Focus ‘ndrangheta”, ha effettuato un controllo amministrativo ex art. 13 L. 689/81 nei confronti di una attività commerciale di vendita al dettaglio di prodotti ittici. All’atto dell’accesso ispettivo si otteneva la presenza del conduttore dell’esercizio, marito della titolare, S. R. crotonese classe 1974. In avvio di attività il predetto, alla richiesta degli operanti di indicare ove fosse ubicato il contatore dell’energia elettrica, in evidente stato di agitazione, cercava di distogliere l’attenzione del personale, per poi repentinamente aprire uno sportello in alluminio situato dal lato opposto, al cui interno era effettivamente installato il contatore dell’energia elettrica, togliendo dalla parte superiore dello stesso un oggetto, risultato essere una magnete, attraverso il quale, come accertato dal citato tecnico dell’Enel, veniva sottratta in modo fraudolento energia elettrica. Magnete che determinava una diminuzione della lettura dei consumi rispetto a quelli effettivi di circa il 90%.

Pertanto, gli operatori di Polizia traevano in arresto in flagranza di reato S. R. per i reati di cui agli artt. 624 e 625 c.p. (furto aggravato di energia elettrica), in qualità di conduttore dell’attività commerciale, deferivano alla competente autorità Giudiziaria, la moglie S. M. per i reati di cui agli artt. 624 e 625 c.p. (furto aggravato di energia elettrica), in qualità di titolare dell’esercizio pubblico nonché intestataria del contratto di fornitura dell’energia elettrica e sottoponevano a sequestro penale il citato magnete.

A seguito degli ulteriori accertamenti amministrativi esperiti presso questi uffici, è emerso che S. M. deteneva legalmente presso la propria abitazione, armi comuni da sparo e munizioni ed essendo venuta meno in seno alla predetta il requisito della buona condotta e dell’affidabilità, si procedeva al contestuale ritiro cautelare di quanto detenuto, nello specifico:

– nr. 1 pistola semiautomatica marca “Ruby” cal. 6.35;

– nr. 1 pistola semiautomatica marca “Beretta” mod. 98/FS cal. 9×21 compreso di caricatore di scorta;

– nr. 22 cartucce calibro 9×21;

– licenza di porto di fucile per uso tiro a volo rilasciata il 20.05.2016.

Nella notte tra il 20 ed il 21 gennaio u.s., personale della Squadra Volanti ha segnalato al Signor Prefetto B. S., nato a Savona classe 1973, in quanto assuntore di sostanza stupefacente (art. 75 DPR 309/90). All’esito di un controllo lo stesso veniva trovato in possesso di gr. 0,85 di sostanza stupefacente del tipo “cocaina”.

Nella giornata di giovedì 21 gennaio 2021, personale della Squadra Volante è intervenuto in questo centro cittadino, ove era stata segnalata una lite tra due immigrati. Giunti sul posto, gli operatori identificavano e successivamente deferivano all’A.G. competente S. B. nato in Pakistan classe 1982. L’uomo, alla vista degli Agenti, si rifiutava di fornire le proprie generalità opponendo resistenza.

Nella serata di venerdì 22 gennaio u.s., personale della Squadra Volanti ha deferito in stato di libertà, alla competente A.G., per la violazione dell’Ordine di Espulsione emessa dal Questore di Avellino, B. N. nata in Ucraina classe 1968.

In nottata, personale della Squadra Volanti, in via Caloiro, ha rinvenuto e posto sotto sequestro a carico di ignoti, due involucri contenente sostanza stupefacente del tipo “marijuana” del peso complessivo di gr. 1,79 ed un involucro contenente sostanza stupefacente del tipo “hashish” del peso di gr. 0,44.

Ufficio Stampa Questura Crotone