Sindaco di Locri: “Non bisogna sottovalutare il covid”

Sindaco di Locri: “Non bisogna sottovalutare il covid”

Dal Gom Reggio Calabria. Reparto Malattie Infettive. Alcune riflessioni dopo la mia prima settimana.

La prima settimana dal mio ricovero per Covid-19 volge al termine L’impatto iniziale è stato traumatico. Giorno e notte con un nodo in gola ad ingoiare lacrimoni. Tanta paura di non farcela. Poi la situazione è migliorata in modo graduale, ora dopo ora, giorno dopo giorno. Avevo una paura assurda del ricovero in ospedale.

Ho conosciuto però, dal vivo e sulla mia pelle, una realtà nuova ed eccellente. Oggi sono certo che quel ricovero, voluto con insistenza da tutte le persone che mi vogliono bene, ha rappresentato la mia salvezza. L’eccellente dott. Pino Foti, Direttore del Reparto Malattte Infettive, ha messo in piedi una squadra eccezionale e competente.

Lo stesso primario ha una umanità fuori dal normale. Stessa cosa per tutto tutto il personale. Dietro quelle fredde e imbarazzanti tute protettive e quegli strani caschi, con i nomi scritti con il pennarello, c’è tanta professionalità e umanità a tutti i livelli. Andrebbero menzionati tutti per l’encomiabile impegno, lo farò certamente nel diario di riflessioni che sto scrivendo su queste strane giornate.

Il Covid lo ricorderò certamente tra le esperienze più brutte della mia vita. Solo chi lo vive così in forma acuta può capire il senso di questa triste e pericolosa situazione. È sconvolgente, triste e difficile dal punto di vista psicologico. Gli incubi notturni sono terribili. Come giustamente consigliato da “qualcuno” tutti noi pazienti covid avremo bisogno di essere aiutati psicologicamente per poter superare questa brutta esperienza.

Leggo, purtroppo, di sterili e insensate polemiche per le scuole chiuse; leggo di comportamenti superficiali che stanno aumentando il numero dei soggetti positivi. Facciamo attenzione. Non si deve sottovalutare nulla, serve il massimo impegno ed a volte non basta per evitare di ammalarsi. Vorrei che nessuno dovesse vivere ciò che è capitato a me ed a tanti altri sfortunati.

Il pensiero va costantemente a chi purtroppo ci ha rimesso la vita. Spero di continuare a vedere la mia situazione migliorare e di poter fare ritorno a casa. Spero di riabbracciare presto tutti, i miei familiari, gli amici e tutti i cittadini che mi hanno riversato addosso un affetto grande e strepitoso.

Intanto sono qui e continuo a lottare con grande forza di volontà e determinazione. Anche se non posso parlare per via dell’ossigeno che mi accompagna h 24, ho trovato nei social e su whatsapp una ulteriore terapia salvavita.

Qualcuno si è messo di impegno a farmi da supporto psicologico e lo ricorderò per sempre. A presto. Un saluto e un abbraccio Dal Gom di Reggio Calabria.

Giovanni Calabrese – Sindaco di Locri

Rispondi