In mio piccolo stanza

In mio piccolo stanza

Avere molto da dire, fare, sentire, chiamare. Io lontano e vicino come spire serpente che guarda. Non potere assistere tanto lontananza che subito dopo poco preso. Io su di letto di mia stanza con mio piccolo radio che sposto in stanza in stanza se fare altro in mio piccola casa di due stanza. Io capo di me. Non capo per me. Ho piccolo pensiero io da quando Italia ospitato me quattro mesi ieri. Piccola molto voce bassa. Lavorato per direttore orchestra che conosce capo di me di deserto. Lui amici ricorda molto padre me Oumar. Tu piace musica? Chi no piace musica? Musica sempre per me come grande voce di deserto di grande madre di Tuareg. Io aiuta a musici che sera suona per pubblico italiani e montare tutti strumenti di suono di mio casa di mio grande deserto.

Quando io tornare stanco sera casa, fare sempre sonno in mio piccola stanza. Non avere sentire mia mano che ha sonno è meglio per me. Io dorme sempre finestre di stanza che aprono su mio rione. Mio rione no Tuareg in mio vita Italia, no Mali, no deserto. Di vicino dico sempre niente a nessuno perché come se io avere dire sentire ma non capire tutto sempre tutto. Tu sai che io non capire italiano per come vuole italiano che non capisce e che mi dice se ho capito. Ma io capire quasi tutto, io so avere molto da dire a vicino italiano che non mi dice mai.
Sai, io sveglio la molte volte sempre con profumo di limone di mia finestra che mia vicina ha. Lei molto bello per me. Ha belli fiori di limone che entra mio stanza la mattina che io sveglio. Io amare sentire limone. Mio casa con profumato limoni dire me che io dire stare bene. Sempre tutti mattina. Quando pioggia io sentire forsi pure meglio. Aria pulita di mio stanza di limone che io sempre fare quando dire che bello. Tutti giorni.

Mio splendevole giorno che comincia con dolci limoni in mio piccolo stanza. Solo quello e mio giorno felice per me in lontano casa. Vicina Andrea lei chiama con mattino di sapore di albero giallo di limoni gialli. Se poi io cambiato casa di piccolo stanza con casa grande stanza. Ora non limone di mio casa. Io non bene. Non poco tanto felice di mia giornata che ha profumo di macchine di ruote sotto mia grande stanza. Sai, io non suonare più poi e triste. Tu piace musica? Chi no piace musica? Quando io non suono più come padre Oumar preoccupato per io. Ma poi io bene di cambio di fare e sentire limone. Io poi dire fare sentire ogni piccolo limone che cresce poi dentro mio grande stanza ed io non basta più tutto quanto compro e stanzo in mia stanza che ora è fatta gialla con pittura di limone. Io felice di limone in mia felice vita di pulire fare sentire meglio. Io albero di deserto in deserto di Italia di fumo. Io ora albero di limone con fiori di me.