Il grido di rabbia di Caulonia marina: “Ora basta!”. E c’è chi chiede l’intervento dei carabinieri

Il grido di rabbia di Caulonia marina: “Ora basta!”. E c’è chi chiede l’intervento dei carabinieri

E’ da settimane che riceviamo segnalazioni di cittadini esasperati per quanto accade per le strade di Caulonia Marina praticamente ogni notte.

Abbiamo deciso di dargli spazio visto che quanto ci viene segnalato reca un grande disagio a moltissime persone che non riescono a dormire a causa di un paio di ragazzini che, in sella a degli scooter evidentemente truccati visto che fanno più rumore di un circuito di formula 1 durante una gara, se ne vanno in giro per Caulonia marina tra le 2 e le 3 di notte a svegliare e disturbare l’intero paese. Accade ormai da mesi e lo abbiamo verificato di persona anche la notte scorsa, quanto intorno alle 2 e 20 i due ragazzi hanno svegliato una moltitudine di persone.

Decine di lettori ci hanno contattato per esprimere la propria frustrazione e per dire, attraverso Ciavula, basta a questi abusi.

Ilario, per esempio, si domanda: “Possibile che solo le forze dell’ordine non si siano accorte di quanto accade? Perchè la polizia municipale o i carabinieri non li hanno fermati?”

Nicola invece ci scrive: “Mi alzo alle 6 per andare a lavorare e con questo caldo è difficile riposare. Regolarmente quando riesco a prendere sonno vengo svegliato dal rombo di questi motorini truccati”.

Questa invece l’esperienza di Maria: “Sono madre di un neonato che dopo il passaggio di questi motorini si sveglia spaventato e piange a volte per un’ora prima di calmarsi. Praticamente tutte le notti. Non possiamo continuare così. Possibile che un paio di ragazzini possano rovinare la vita a tutti?”

Claudia dice: “Non do la colpa ai ragazzi, sono piuttosto giovani, ma ai genitori che gli consentono di agire in questo modo incivile”.

Qualcuno, mosso dalla rabbia, ha usato toni meno civili e comprensivi.

Di certo rimane un problema che anche stanotte tornerà a ripetersi con la consueta puntualità.