Calabria: in un supermercato due dipendenti su cinque lavoravano in nero, scattano le sanzioni

Calabria: in un supermercato due dipendenti su cinque lavoravano in nero, scattano le sanzioni

Nel corso di questa settimana, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio e del “Piano di Azione Nazionale e Transnazionale – Focus ‘ndrangheta” sono stati conseguiti i seguenti risultati:

§ nr. 03 persone arrestate;

§ nr. 04 persone deferite all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà;

§ nr. 02 persona segnalata all’Autorità Amministrativa, in quanto assuntore di sostanze stupefacenti;

§ identificate nr. 995 persone;

§ controllati nr. 512 veicoli (anche con sistema Mercurio);

§ elevate nr. 18 sanzioni per violazioni al Codice della Strada;

§ effettuate nr. 22 perquisizioni;

§ effettuati nr. 01 controlli amministrativi.

Nella giornata del 9 ottobre 2021, personale della Squadra Volante ha deferito all’Autorità Giudiziaria B. A., nato in Algeria nel 1993, poiché resosi responsabile del reato di inosservanza degli obblighi inerenti la sorveglianza speciale; nella circostanza, lo stesso veniva trovato in possesso di un involucro contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina dal peso lordo di grammi 0,57 e, pertanto, segnalato all’Autorità Amministrativa in quanto assuntore di sostanze stupefacenti.

Nella giornata del *10 ottobre 2021, personale della Squadra Volante ha tratto in arresto, ai sensi dell’art. 73 del DPR 309/90, A. R., nato nel 1976 a Crotone.

L’uomo, all’esito di un normale controllo di Polizia, veniva trovato in possesso di una busta in cellophane contenente sostanza stupefacente del tipo marijuana, dal peso di 66,95 gr., un bilancino di precisione, alcune buste di cellophane utilizzate come materiale di confezionamento e 2 sigarette intrise di marijuana. Gli operatori decidevano di perquisire l’abitazione dell’uomo e all’interno della stessa rinvenivano ancora 2 barattoli in vetro contenenti 15,66 gr. e 0,97 gr. di hashish e vari ritagli di cellophane. All’esito di entrambi i controlli, l’A. R. veniva tratto in arresto e sottoposto alla permanenza domiciliare in attesa di ulteriori determinazioni da parte dell’Autorità Giudiziaria.

Successivamente nella serata di *ieri, personale della Squadra Volante ha deferito, ai sensi dell’art. 4 L. 110/75, A. G., nato nel 1970 a Milano, residente a Crotone. L’uomo veniva trovato in possesso di un’accetta avene lunghezza totale di circa 35 cm occultata all’interno del cestino anteriore della propria bicicletta, opportunamente sequestrata.

Nella prima mattinata della giornata odierna, si è registrato uno sbarco di 60 migranti sulla costa crotonese.

42 di questi, sono stati intercettati sulle spiagge di Loc. Cannoniere c.da Bucchi, mentre altri 18 erano ancora a bordo di un veliero, sono stati prelavati dalla Guardia di Finanza ed accompagnati al porto di Crotone.

I migranti risultano essere tutti uomini, tra i quali vi sono 44 pakistani (di cui un minore non accompagnato) e 16 bangladesi.

Al termine delle operazioni di prima identificazione con foto e screening sanitario da parte del personale medico del 118, i migranti sono stati tutti accompagnati presso il locale Regional Hub per la collocazione nei padiglioni di accoglienza.

Sul posto, è intervenuto il Funzionario di turno in Questura unitamente a personale dell’Ufficio Immigrazione, personale della Polizia Scientifica, dell’Arma Carabinieri, della Croce Rossa Italiana, della Guardia di Finanza, dei Vigili del Fuoco, nonché Medico dell’ASP, tutti muniti di sistemi di protezione individuale. Indagini in corso.

Nel pomeriggio di ieri, personale della Squadra Volante ha rinvenuto, due involucri contenenti sostanza erbacea del tipo marijuana del peso lordo di grammi 3,80 e nr. 2 sigarette artigianali contenenti la medesima sostanza, il tutto sottoposto a sequestro.

Con riferimento all’ultimo sbarco di migranti del 13 ottobre 2021 presso il Porto di Crotone, personale di questa Squadra Mobile, all’esito dell’attività di indagine, ha arrestato in flagranza di reato, nella stessa giornata, i seguenti cittadini stranieri:

– T.S., uzbeco classe 1991 e A.Z., del Kazakhistan del 1979 indagati in concorso per i reati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Terminati gli accertamenti di rito, i summenzionati venivano associati presso la Casa Circondariale in attesa di rito direttissimo.

Nella giornata del 13 ottobre 2021 personale della Divisione Polizia Anticrimine ha denunciato in stato di libertà B.P., ventottenne crotonese ivi residente, resosi responsabile dell’inosservanza delle prescrizioni derivanti dalla misura del D.A.S.P.O.

In data 13 ottobre 2021, personale U.P.G.S.P. ha deferito all’A.G. ai sensi dell’art.4 L. 152/75 tale S.F., crotonese classe ‘77 ivi residente, in quanto a seguito di controllo, veniva trovato in possesso di due chiavi inglesi.

In data 14 ottobre u.s., personale U.P.G.S.P. ha rilevato un sinistro stradale con feriti, con coinvolgimento di 4 autovetture. Nella circostanza veniva deferita in stato di libertà M.F., crotonese del ‘66, per violazione dell’art. 186 c.2 del C.d.S.

Nella giornata del 15 ottobre 2021 personale della locale Divisione PASI – Squadra Amministrativa, unitamente a personale dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro di Crotone ed un equipaggio dell’Ufficio di Gabinetto, ha effettuato controlli amministrativi, ex art. 13 L. 689/81, nei confronti delle sotto elencate attività:

– Supermercato sito a Cirò Marina(Kr) dove veniva identificata, quale socia della predetta società, C.A. cosentina classe 1999. Il titolare, è B.N. classe 1973. Oltre ai summenzionati soggetti venivano identificati altri 4 dipendenti di cui un altro in società. Al termine del controllo ispettivo a carico del titolare/amministratore unico veniva emesso biglietto d’invito ex art. 15.

Inoltre Personale dell’Ispettorato del Lavoro di Crotone contestava le irregolarità di seguito riportate:

– Art. 4 c.1 L. 300/70 (Statuto dei Lavoratori) in quanto il titolare/amministratore unico predisponeva un impianto di videosorveglianza senza la preventiva autorizzazione; seguirà a cura dell’Ufficio ITL l’informativa alla Procura competente per territorio (ammenda pmr 387,25 Euro);

– Art. 14 c.1 D.Lgs 81/2008 in quanto 2 dipendenti, sui 5 identificati, risultavano essere non assunti (in nero); veniva impartito il provvedimento di sospensione dell’attività (pmr 2000,00 Euro oltre che la regolarizzazione dei dipendenti) nonché la maxi sanzione per ogni lavoratore (1800,00 Euro cadauno se i dipendenti non assunti verranno regolarizzati o viceversa 3600,00 Euro cadauno).

In data 15 ottobre u.s., personale U.P.G.S.P. ha segnalato al Sig. Prefetto ex.art. 75 DPR 309/90 tale C.G. di Crotone del 1972, in quanto a seguito di perquisizione domiciliare veniva ritrovato in possesso di gr.3,24 di sostanza stupefacente del tipo marijuana, contenuta in un involucro di cellophane. Il tutto opportunamente sequestrato.

Ufficio Stampa Questura Crotone