Scuola Infanzia Vasì, la “Giornata Nazionale degli Alberi” diventa messaggio di pace e di rispetto dell’altro

Scuola Infanzia Vasì, la “Giornata Nazionale degli Alberi” diventa messaggio di pace e di rispetto dell’altro

I bambini della scuola dell’infanzia di Vasì questa mattina sono stati protagonisti della “Giornata Nazionale degli Alberi” per ricordare, attraverso poesie e canzoncine, l’importanza di instaurare un legame con la natura e il ruolo attivo degli alberi nella lotta per la salvaguardia ambientale.

Il plesso cauloniese, come ha ricordato la vicaria dell’Istituto Comprensivo “G. Falcone – P. Borsellino” Mariella Mazzà entusiasta dell’iniziativa, da sempre realizza attività che favoriscono l’apprendimento attraverso il rapporto con la natura secondo i principi dell’insegnamento agazziano e del metodo montessori.

La cerimonia di messa a dimora nel cortile della scuola di un albero di cachi è diventata volano anche di un altro messaggio fondamentale contro la guerra poiché la pianta, di cui i piccoli giardinieri si prenderanno cura durante l’anno scolastico, è nota come “albero della pace” in quanto alcuni esemplari riuscirono a sopravvivere alla bomba atomica sganciata su Nagasaki nel 1945,

A sottolineare ulteriormente la correlazione dei concetti di pace e rispetto dell’ambiente inteso anche come rispetto dell’altro è stata la realizzazione della scritta “Albero amico mio”, titolo dell’attività che stanno svolgendo gli allievi, riprodotta sulla parete della scuola insieme ad un disegno da una ragazza ucraina ospite del Progetto di accoglienza SAI, gestito da Recosol Sankara, e dal vice presidente dell’Associazione Culturale Gnoseon insieme agli allievi e alle maestre. A fare da cornice alla raffigurazione la sagoma in ferro battuto di una albero donato alla scuola, di cui è responsabile l’insegnante Rosetta Niglio, dalla ditta Cortese Serramenti di Stignano.

All’incontro, oltre che i genitori degli alunni, sono stati presenti: l’assessore all’ambiente Antonella Caraffa la quale ha rimarcato la rilevanza di sensibilizzare i bambini sul tema del rispetto dell’ambiente sin dalla tenera età in quanto ciò significa investire su un futuro green ed ecosostenibile perché in essi vengono riposte le nostre speranze di crescita e di miglioramento; il consigliere Agnese Panetta che ha sottolineato come i bambini siano i primi a comprendere l’importanza del profondo significato del rispetto della natura e a trasmetterlo agli adulti e che la scuola debba continuare a muoversi in questa direzione; l’assessore alla cultura Antonella Ierace che ha messo l’accento sulla necessità di continuare a programmare eventi di questo tipo in ambito scolastico ed ha evidenziato quanto sia stato fondamentale anche il coinvolgimento di diverse realtà territoriali per la realizzazione di questa notevole iniziativa poiché è essenziale fare rete.