Niente finale promozione per la Sensation Gioiosa

Niente finale promozione per la Sensation Gioiosa

Si è conclusa la stagione di calcio a 5 della Sensation Gioiosa. Nella semifinale di ritorno dei play-off promozione giocata a Sant’Andrea dello Jonio, la squadra gioiosana – dopo aver perso la gara casalinga d’andata per 2-4 – è stata nuovamente battuta (punteggio: 7-3) dalla formazione dell’Andrè. La finale per decidere l’altra squadra promossa in serie C1 insieme al Cittanova sarà Andrè-Laganadi.

Pochi rimpianti, comunque. I ragazzi di Mister Ragona si sono arresi dinanzi ad un avversario più forte, di maggior caratura tecnica e di superiore consapevolezza: è bene ricordare che l’Andrè, non casualmente, ha chiuso al secondo posto il girone B di serie C2.

Raffaele Ragona - allenatore Sensation Gioiosa

Raffaele Ragona – allenatore Sensation Gioiosa

La stagione della Sensation Gioiosa rimane, in ogni caso, positiva. L’obiettivo stagionale, più o meno rivendicato, era quello di giocare un campionato di vertice e di provare a raggiungere i play-off: obiettivo pienamente raggiunto, anche se al termine di una stagione altalenante in cui sono mancate soprattutto continuità ed esperienza.

Ad un inizio campionato un pò balbettante, dovuto anche alla necessaria fase di assestamento di una squadra in gra parte rinnovata e fatta di tanti ottimi giocatori provenienti dal calcio a 11, ha fatto seguito una fase centrale di stagione e un finale di campionato in cui la Sensation ha dimostrato d essere assolutamente competitiva con quasi tutti gli avversari.

SensationEVIDENZA250415

Dal punto di vista tecnico, la formazione gioiosana ha fatto vedere ottime cose, mettendo in mostra tanti talenti assolutamente interessanti: Giuseppe Minnella, Marcello Simari, Andrea Sergi, ecc. Qualcosa è mancata sul piano fisico (in più di una circostanza, gli avversari hanno fatto leva su una maggiore prestanza atletica) e soprattutto su quello dell’esperienza (il futsal è un gioco anche di “furbizie” e di letture delle situazioni).

Molto pesante è stata anche l’assenza per infortunio di Roccisano, uomo sul quale tutta la squdra puntava con forza: la sua presenza in campo avrebbe garantito maggiore forza fisica e anche diverse soluzioni di gioco (soprattutto come pivot in attacco).

L’auspicio è che la società riesca a dare continuità e solidità al progetto tecnico della Sensation, confermando il gruppo e arricchendolo di un paio di elementi che possano garantire il salto di qualità necessario. Molto importante sarà anche promuovere con lungimiranza la piena maturazione dei ragazzi della juniores, talenti di valore che sono riusciti a conquistare il titolo regionale contro i loro pari età e che adesso sono attesi in prima squadra alla verifica delle loro qualità.

Il futsal gioiosano, in ogni caso, ha bisogno di una Sensation pienamente organizzata dal punto di vista societario e sufficientemente ambiziosa sul piano sportivo: anche perché ci sono tutti i margini per crescere ancora e per fare di Gioiosa Jonica uno dei centri più importanti del calcio a 5 provinciale e regionale.

Sensation