Ciavula difende l’Allaro e vi invita a firmare la petizione

Ciavula difende l’Allaro e vi invita a firmare la petizione

Ciavula si schiera a favore di questa giusta battaglia di civiltà e vi invita a firmare la petizione QUI.

Il testo della petizione promossa da Francesco Tuccio:

allaro

Fermare l’inquinamento dell’Allaro

I sottoscrittori della presente petizione
CONSAPEVOLI
dell’immenso valore paesaggistico, naturalistico e per l’equilibrio dell’ecosistema e la biodiversità di tutta la vallata dell’Allaro, dalle sorgive alla foce nel mare Ionio;
DENUNCIANO
il ricorso continuo e periodico di versamenti di liquami fognari e probabilmente di altre sostanze nocive nelle acque del corso della fiumara; tali attività inquinanti sono state osservate e puntualmente denunciate alle istanze competenti dall’eremita Frederic Vermorel (insediato presso il convento di Sant’Ilario del comune di Caulonia) e riprese dai vari organi di stampa dal 2007 fino ad oggi;
FANNO PRESENTE
che la predetta situazione, oltre a rappresentare nocumento per l’ambiente, può costituire grave danno per:
• la salute dei cittadini che ricorrono nel periodo estivo alle escursioni nelle gole dell’Allaro, alla balneazione nella località detta delle “cascate”, sulla spiaggia di Calonia Marina;
• le attività agricole che usano le stesse acque a fini irrigui;
• gli operatori turistici che dalle risorse naturali traggono l’unico reddito;
CHIEDONO
una verifica urgente sull’esistenza e sul corretto funzionamento dei depuratori nei comuni di Nardodipace, Fabrizia e Mongiana (della provincia di Vibo Valentia), ed, altresì, una indagine su eventuali altre fonti e attività inquinanti, ed una analisi sulla salubrità attuale delle acque, perseguendone a norma di legge gli eventuali responsabili.

Destinatari:
Alle Procure della Repubblica dei Tribunali di Locri e Vibo Valentia
E p.c. ai sindaci dei comuni di Narodipace, Fabrizia, Mongiana e Caulonia