Arrestato in Olanda latitante originario di Gioiosa Jonica

FONTE: http://www.today.it/citta/arrestato-rocco-gasperoni-olanda.html

Ndrangheta: latitante dal 2001 apre ristorante in Olanda, arrestato

L’hanno preso in Olanda, dove si era trasferito per gestire un ristorante italiano insieme alla moglie. Stiamo parlando di Rocco Gasperoni, esponente di spicco della famiglia Belfiore – uno dei più noti clan della ’ndrangheta calabrese operanti a Torino – finito in manette al termine di una latitanza durata ben quindici anni. 

Gasperoni, di anni 73 e originario di Gioiosa Ionica, dal 2001 si era reso irreperibile in Italia, mentre era sottoposto alla misura della sorveglianza speciale. Ad acciuffarlo ci ha pensato la polizia olandese che – su disposizione dell’autorità giudiziaria locale – ha dato esecuzione al decreto di pene emesso nei suoi confronti nel 2007 dalla Corte d’Appello di Torino. L’arresto è avvenuto a Scheveningen, uno degli stadsdeelen della città dell’Aja.

latitante

Gasperoni era stato condannato a 14 anni e 8 mesi di carcere – con sentenza divenuta irrevocabile nel 2007 – per un traffico internazionale di 1500 chili di hashish commesso tra Olanda, Spagna e Italia in epoca antecedente al 1997. Non solo, egli deve altresì scontare altri quattro anni per bancarotta fraudolenta.

L’esecuzione del provvedimento si è resa possibile sia grazie all’azione di agenzie come Europol ed Eurojust, sia anche per merito dell’interessamento del magistrato di collegamento olandese in Italia, la dottoressa Hester van Bruggen, attraverso cui le autorità olandesi hanno riconosciuto l’applicabilità delle sentenze italiane riducendo il periodo di detenzione per il traffico di stupefacenti da 14 a 8 anni.